Live Sicilia

La replica

"La pantera morta a Terrasini?
Una disgraziata fatalità"


, Cronaca
Una delle tre pantere dell’ex Zoo- Fattoria di Terrasini, anestetizzate per il prelevamento dei campioni di pelo per procedere alle analisi per la comparazione con quelli attaccati al collare ritrovato qualche settimana fa in via Del Bronte che si ipotizza possa appartenere alla pantera che si aggira per Palermo, è morta.
A quanto pare una dose troppo massiccia di anestetico avrebbe stroncato la pantera che è deceduta subito dopo le operazioni di prelevamento.
Gerlando Mazza, componente del nucleo specializzato CITES della Guardia Forestale Regionale, però oggi  smentisce ogni possibile responsabilità di chi è intervenuto sulle pantere dell’ex Zoo- Fattoria di Terrasini .
 “Siamo i primi ad essere estremamente addolorati per quanto successo  -  dichiara Mazza  - ritengo però  che sia ingiusto e pregiudizievole  addebitarci la morte della pantera dell’ex zoo Fattoria di Terrasini”.
Continua poi così il suo  sfogo Mazza:  “Dal ventidue di giugno, giorno della prima segnalazione,  tutto il corpo Forestale ha dato il massimo per le ricerche sulla pantera e in particolare, il CITES da sempre impegnato in prima linea per la difesa e tutela degli animali esotici. La morte della pantera è una semplice fatalità e non come certa stampa ha scritto addebitabile ad un errore o a una responsabilità di chi li ha anestetizzati. Le altre due pantere alle quali sono state date la stessa dose di anestetizzante e negli stessi punti sono vive e vegete, l’altra invece è morta perché aveva delle patologie a carico che gli sono state fatali. È un rischio per chi viene sottoposto ad anestesia che esiste sia per gli umani che per gli animali. Ci tengo, però a ribadire che non ci è stato alcun errore o alcun sbaglio da parte nostra. Abbiamo già consegnato al magistrato un verbale di prelievo abbastanza dettagliato”.
Intanto, le ricerche della pantera continuano. Abbandonata la strategia con la grande gabbia e l’esca viva, adesso si procederà solo con esche morte e telecamere a raggi infrarossi, mentre l’esito delle analisi sul collare per confermare le tracce del felino arriveranno solo nei prossimi giorni.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php