Live Sicilia

Stato d'emergenza

Rifiuti, Lombardo
nominato commissario


commissario, raffaele lombardo, rifiuti, Politica
Il Consiglio dei Ministri, nella seduta di ieri, alla quale ha preso parte il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, ha decretato lo stato di emergenza per i rifiuti in Sicilia fino al 31 dicembre 2012, e ha nominato Lombardo commissario. L'ordinanza della Protezione civile riguarda tutto il territorio regionale e prevede che il presidente, quale Commissario delegato, potrà avvalersi - si legge in un comunicato della Presidenza - di quattro soggetti attuatori e dei Prefetti dell'Isola.
Al presidente della Regione sono assegnati tutti i poteri inerenti al rilascio di pareri e autorizzazioni per gli interventi oggetto della stessa ordinanza: incremento della raccolta differenziata per arrivare all'obiettivo del 35% entro il 31 dicembre 2011, di cui almeno la metà destinata al riciclo; realizzazione di piazzole per lo stoccaggio della raccolta differenziata, di impianti per la selezione e per il trattamento dei rifiuti urbani o raccolti separatamente; creazione, limitata e temporanea, di nuove discariche o di ampliamento per il periodo strettamente necessario al superamento dell'emergenza; individuazione e realizzazione di interventi, a garanzia del sistema regionale di gestione integrata dei rifiuti nel suo complesso e della funzionalità a regime; avvio immediato delle procedure di realizzazione degli impianti di acquisto delle attrezzature coerenti e funzionali, compresi quelli proposti da privati, a loro carico.
Il presidente della Regione, per quanto eventualmente necessario, in deroga alle previsioni edilizie ed urbanistiche vigenti, avrà il compito di sovrintendere anche alla progettazione, alla costruzione e alla gestione degli impianti di termovalorizzazione, previa individuazione delle sedi idonee.

I poteri
Per quanto concerne i poteri di intervento sostitutivo - continua il cominicato -, il Commissario interviene contro l'illecito abbandono dei rifiuti sul territorio regionale, disponendone la rimozione e il trasporto in danno dei soggetti interessati, avvalendosi delle strutture della Protezione civile. Potra' inoltre disporre la precettazione dei lavoratori, a qualsiasi titolo impiegati nell'attività di gestione del servizio di rifiuti, e stabilire interventi a carico dei Comuni inadempienti.
Riguardo le risorse finanziarie, il Governo nazionale si e' impegnato a trasferire i fondi Fas necessari per l'importo quantificato dalla Regione siciliana.
Il nuovo piano regionale dei rifiuti dovrà essere adottato dal Commissario delegato entro 60 giorni, con il coinvolgimento di tutti i soggetti previsti dalla legge regionale 9/2010, in particolare enti locali e associazioni di tutela dell'ambiente.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php