Live Sicilia

TAGLIATE DI FACCIA

Boffo e il dialetto di monsignore

VOTA
0/5
0 voti

, Cronaca
"Boffo non si deve dimettere ma in assoluta libertà deve valutare se il polverone che si è scatenato in questi giorni può nuocere al bene della Chiesa e del giornale. E decidere di conseguenza se lasciare la direzione". Così il prudente monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo e presidente del Consiglio Cei sul caso Avvenire-Feltri. Ci è venuta la curiosità di applicare la regola leghista dei sottotitoli in dialetto e di tradurre dal curiale monsignore (nativo di Castelbuono) al siciliano, con l'apposita macchinetta inventata dal dott. Calderoli. Ecco il confronto. Curiale: non ti devi dimettere. Siciliano: tinnagghiri! R.P.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php