Live Sicilia

l'associazione

Confesercenti, inaugurata
nuova sede catanese

Catania, confesercenti, Economia

Sorbera: “Incentivare Catania e il suo storico ruolo commerciale”.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - “Non si può avere un Paese a due diverse velocità: essenziale mettere in moto meccanismi virtuosi per lo sviluppo del territorio”: lo ha affermato ieri Patrizia De Luise, presidente nazionale di Confesercenti, durante l’inaugurazione della nuova sede catanese dell’associazione imprenditoriale. Centrale l’esigenza di un rapporto sinergico tra commercianti, istituti di credito ed istituzioni: da questo punto di vista, ha poi ribadito anche il sindaco Pogliese, “C’è l’esigenza di un confronto tra Comune ed attività commerciali: siamo sicuri di trovare in esse interlocutori seri ed attendibili”.

Ma quali prospettive, oggi, interessano le attività commerciali siciliane? “In Sicilia, Catania e provincia rappresentano un sito commerciale d’importanza fondamentale anche a livello storico, dove Palermo è invece un polo maggiormente turistico ed istituzionale”, nota Michele Sorbera, direttore regionale di Confesercenti. “Oggi lo sforzo da compiere è nel sostenere piccole e medie imprese: commercio, artigianato e turismo sono tre aspetti fondamentali per il nostro sviluppo economico. E il turismo, in particolare, permette d’incentivare tutti gli altri settori”.

Una tigre da cavalcare nel modo più efficace, in un presente nel quale circostanze belliche e geopolitiche tra Nordafrica e Medio Oriente hanno fatto della Sicilia un punto nodale dell’attività turistica mediterranea. Questo e molto altro si propone di fare Confesercenti, spiega Sorbera: “Non bastano più le rappresentanze sindacali: occorre poter fornire servizi, e la prima richiesta dei commercianti è appunto l’accesso ai crediti”.

Il momento attuale sarebbe caratterizzato da una certa ripresa, ci viene detto, a patto di saper impiegare ogni risorsa in modo adeguato: “I grandi centri commerciali vanno verso la crisi”, nota il direttore regionale, ”noi dobbiamo fare in modo di creare ‘centri commerciali naturali’, nel senso di estese reti tra le imprese”. Un’idea di cooperazione, questa, che ultimamente inizia a diffondersi entro il perimetro dell’Isola, malgrado tra gli imprenditori non manchino varie riserve.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento