Live Sicilia

l'assemblea elettiva

Cambio di guardia all'ANAM
Gambino è il nuovo presidente

accademia nazionale acconciatori misti, accademia nazionale acconciatori misti centro di catania, anam, giuseppe gambino, salvo ruffino, Zapping

Eletto il nuovo consiglio direttivo.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA – Per l’Accademia Nazionale Acconciatori Misti Centro di Catania è tempo di novità importanti. Dopo oltre trent'anni di presidenza, Salvo Ruffino ha rassegnato le sue dimissioni dal ruolo di presidente dell’accademia catanese. Ieri nella sede provinciale di via Principe Nicola 18 a Catania si è svolta, infatti, l’assemblea per il rinnovo del Consiglio direttivo che ha visto eleggere all'unanimità e Giuseppe Gambino, nuovo presidente A.N.A.M. centro di Catania. Occasione durante la quale ha avuto luogo lo storico passaggio di consegne fra i due pilastri dell’Accademia specializzata nell’alta formazione di acconciatori uomo - donna. Gambino, maestro ed ex direttore, che di recente ha peraltro festeggiato i quarant’anni di attività, prenderà, dunque, da ora in mano le redini della scuola etnea.

Ad aprire i lavori, l'ormai ex presidente Ruffino che ne ha subito approfittato per tracciare un bilancio, positivo, di questi lunghi e intensi anni. E l’emozione non poteva mancare. “Sono tanti gli anni trascorsi a guidare questa scuola. L’A.N.A.M. mi ha dato la possibilità di crescere umanamente e professionalmente e di conoscere persone straordinarie”, ha detto Ruffino rivolgendosi ai numerosi presenti fra iscritti e docenti A.N.A.M. “Per me questa è stata una seconda famiglia, piena di amici – ha proseguito – Ma non lascio a malincuore, perché so che quest’associazione con o senza di me andrà avanti, perché è ricca di persone capaci, di risorse tecniche e di un nuovo gruppo dirigente di alto livello”. Ma non è un addio. “Io continuerò ad essere presente. E rimarrò sempre a disposizione di tutti. Ci sono tanti progetti con i maestri e colleghi che vogliamo portare avanti”. Ruffino, che di recente è stato già nominato nuovo presidente regionale dell’A.N.A.M., ieri è stato eletto presidente onorario e tesoriere.

Giuseppe Gambino

Giuseppe Gambino



A lodare l’ex presidente provinciale per il grande impegno profuso negli anni per l’associazione non poteva che essere Gambino, che prendendo parola, emozionato, ha detto: “Questo avvicendamento si realizzerà nel segno della continuità. Ruffino ci continuerà a stare accanto perché riteniamo la sua esperienza fondamentale per l’A.N.A.M. centro di Catania. Lo ringraziamo di cuore per quanto fatto. La sua attività in questi anni è sempre stata rivolta a beneficio della nostra scuola. E questo gli fa onore”.

A conclusione si è proceduto con l’elezione di tutti i nuovi organismi. Ecco il nuovo Consiglio direttivo. Presidente: Giuseppe Gambino; presidente onorario e tesoriere: Salvatore Ruffino; vice presidente e segretario: Rocco Perracchio; vice segretario ed economo: Domenico Nicolosi. Responsabili tecnici e didattici: direttore didattico è Basilio Frusteri; vice direttore didattico: Giancarlo Virzi; direttore tecnico maschile: Giuseppe Criscione; direttore tecnico femminile: Salvatore Scavo; responsabile moda, Salvatore Caruso.

Questo mese si è inoltre concluso un altro anno accademico ricco di soddisfazioni per la sede catanese dell’ Accademia Nazionale Acconciatori Misti Centro di Catania. I maestri e gli allievi, dopo gli esami appena terminati, si preparano a partecipare al campionato del mondo che si terrà a settembre 2018 a Parigi. A volare verso la città della torre Eiffel saranno il direttore tecnico maschile Giuseppe Criscione, Mariella Surace, Daniele Belvedere e Rosario Di Bella accompagnati dal neo presidente provinciale Giuseppe Gambino e dal neo presidente regionale Ruffino. A preparare il team Catania sarà Salvo Scavo sotto la super visione del direttore tecnico nazionale e trainer Italia femminile, Daniela Sperotto e Filippo Frangia, trainer nazionale categoria maschile.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento