Live Sicilia

lettera aperta

"Vigilare sulla gara d'appalto
per le notifiche cartelle esattoriali"

catania lettera aperta cartelle notifica, Riscossione Sicilia, Economia

Un'accorata missiva degli ex lavoratori della consorziata Olimpia, che operava per conto di Riscossione Sicilia.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Attendono giustizia. Sono gli ex lavoratori della consorziata Olimpia che si occupava della notifica delle cartelle esattoriali per conto di Riscossione Sicilia. Hanno scritto una lettera aperta in cui chiedono di monitorare la gara d'appalto affinché tutto avvenga nella norma. Ma pare che già qualcosa di preoccupante stia avvenendo.

Ecco la lettera:

"La società ‘Olimpia Srl’, consorziata con il Consorzio Stabile Olimpo che si occupava delle notifiche delle cartelle esattoriali sul territorio di Catania, ha cessato l’attività giorno 10/11/2017.

Sino a quel momento non erano stati riconosciuti almeno nove stipendi e alla chiusura attività i lavoratori non hanno percepito il TFR maturato.

Ad oggi nonostante procedure legali in corso ed i decreti ingiuntivi nei confronti di Riscossione Sicilia e del Consorzio Stabile Olimpo come obbligate in solido dei lavoratori, siamo ancora in attesa che la giustizia faccia il suo corso.

Ci sostiene in questa battaglia la Cgil di Catania ed in particolar modo Gianluca Patane’, Segretario Generale della Slc-Cgil, che insieme a noi sta lottando per far si che nel rispetto delle leggi e delle istituzioni ci venga restituito il nostro lavoro.

Ed oggi sembra che finalmente qualcosa stia cambiando visto che è in atto la gara di appalto per le notifiche delle cartelle esattoriali.

Per vigilare sull’aggiudicazione dell’appalto la Cgil di Catania, sindacato a cui siamo iscritti, sarà presente nelle varie sedute in modo da garantire il rispetto della clausola sociale per la salvaguardia dei posti di lavoro persi, chiunque sia il destinatario dell’appalto.

Auspichiamo a tal proposito che le procedure avvengano con rigore e massima cautela vista l’importanza del servizio, e ci teniamo a precisare sin d’ora che il Consorzio Stabile Olimpo sta partecipando nuovamente e ci risulta disponga di una ventina di consorziate.

Vista l’esperienza vissuta sulla nostra pelle, ci auguriamo che chiunque sia il vincitore della gara prenda l’impegno a vigilare costantemente sulle proprie consorziate o associate, in modo da non permettere in futuro il ripetersi di un’esperienza simile a quella subita come lavoratori dell’Agenzia Olimpia.

Pertanto ci aspettiamo che Riscossione Sicilia eserciti un controllo attento su tutti i dipendenti delle eventuali ditte che svolgeranno un servizio cosi delicato ed importante, specificatamente sui contratti di assunzione e sui salari.

A tal proposito dichiara Gianluca Patane’: ”Dopo sedici anni di attività e di impegno è stato difficile per i lavoratori dell’Agenzia Olimpia accettare la perdita del posto di lavoro, in particolar modo per i meno giovani, con l’aggravante che le motivazioni sono da associare ad una mala gestione imprenditoriale e alle controversie amministrative tra la partecipata Riscossione Sicilia e il Consorzio Olimpo.

Perciò auspichiamo che si lavori nel rispetto delle regole e che non vengano a verificarsi in futuro situazioni come quelle vissute dagli ex lavoratori di Olimpia Srl, che si sono trovati a

subire un danno dal punto di vista economico, dovuto anche al sovraindebitamento delle loro famiglie spesso monoreddito.

Da parte di CGIL Catania ci sarà massima attenzione e impegno nel seguire questa vertenza fino alla sua naturale conclusione, che non può non essere che il reintegro degli ex lavoratori nelle loro vecchie mansioni ed il riconoscimento delle mensilità maturate e non corrisposte.”

Gli ex lavoratori della consorziata Olimpia srl


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento