Live Sicilia

amministrative

"Più sostanza e meno poltrone"
Messina pungola Pogliese

amministrative, Catania, centrodestra, Manlio Messina, salvo pogliese, Politica

L'esponente di FdI tira per la giacca il candidato sindaco. "Punti su chi ha rianimato il centrodestra".

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Non è rottura ma potrebbe diventarlo. Soprattutto se dalle stanze in cui si lavora alacremente sulla candidatura di Salvo Pogliese non verrà fuori un programma sul quale confrontarsi. Parola di Manlio Messina, leader non solo dell'opposizione a Enzo Bianco, ma anche di Fratelli d'Italia, partito integrante della coalizione di centrodestra che punta sull'eurodeputato per la conquista di Palazzo degli Elefanti. "Occorre un'idea chiara di città - afferma Messina - su cui avviare un confronto tra le anime della coalizione. Noi - prosegue - vogliamo capire su cosa si baserà l'azione di Pogliese per rilanciare Catania, quali i punti del programma. Va bene la creazione di un tavolo tecnico - prosegue - anche se a noi tutto questo parlare non ci appassiona: vogliamo argomenti su cui dibattere e un programma politico. Noi abbiamo il nostro - aggiunge - e vogliamo metterlo a confronto con quello del candidato, capire se ci convince o se occorre modificarlo".

Senso civico, sicurezza, sviluppo e promozione del territorio: "sono le parole d'ordine, purtroppo assenti fino a questo momento, dall'anemico dibattito politico di queste settimane - afferma il consigliere - pericolosamente concentrato, a due mesi dalle elezioni, solo su cognomi, candidature, "poltrone e tavoli", ma poco attento alla sostanza e alla formula da proporre agli elettori. Fdi gode di ottima salute e non ha rivendicazioni di sorta da avanzare - incalza - se non la legittima pretesa di contribuire, con pari dignità, alla elaborazione di un ragionamento lineare, costruttivo".

Quasi infastidito dai rumors che vorrebbero mal di pancia nella coalizione per una questione di poltrone da assegnare in caso di vittoria, Messina stoppa tutti e conferma il sostegno a Pogliese, pur evidenziando come un problemino all'interno del centrodestra ci sia. Soprattutto per l'arrivo di molti nomi provenienti da altre esperienze, alcune fino a ieri vicine all'attuale amministrazione comunale. Su questo non transige. "Nessun dubbio sul sostegno a Salvo Poglise - sottolinea - né l'appartenenza alla coalizione, ma è anche vero che qui c'è chi ha lavorato cinque anni per rimettere in carreggiata il centrodestra e chi, invece, fino a ieri, teneva il numero in aula al sindaco Bianco. Per questo occorrono dei distinguo".

Insomma, il discorso è chiaro: Messina chiede a Pogliese di puntare sul "merito" politico di chi ha contribuito a riportare in vita una parte politica che, fino a qualche anno fa sembrava agonizzante. Forse conscio del fatto che la contrattazione per la formazione delle liste potrebbe mettere da parte proprio il merito. D'altronde, il sostegno che sembra stia piovendo da molti soggetti che, fino a poco tempo fa, rappresentavano la coalizione opposta, potrebbero spingere il candidato a promettere posti e poltrone. "Se l'intenzione è questa - conclude Messina - allora potrebbero esserci motivi per rompere la coalizione.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento