Live Sicilia

La seduta

Paternò, auto incendiate
Consiglio presenta mozione

auto incendiate, consiglio, incendi, mozione, paternò, sicurezza, Politica

Sui due responsabili denunciati a piede libero, si attende intanto che la Magistratura valuti le indagini e decida se emettere o meno le ordinanze di custodia cautelare.

VOTA
0/5
0 voti

PATERNO’ – È stato quello della sicurezza pubblica il tema al centro della seduta del Consiglio comunale di Paternò svoltasi ieri sera a Palazzo Alessi. E non poteva essere altrimenti dopo i recenti fatti di violenza e criminalità avvenuti in città: dagli atti vandalici che hanno devastato il plesso scolastico Falconieri, alle 13 autovetture incendiate nel giro di pochi giorni, sempre nel cuore della notte. Fenomeni gravissimi, quest’ultimi, che hanno messo a repentaglio l’incolumità della cittadinanza e per i quali - grazie all'indagine serrata condotta dai Carabinieri della Compagnia di Paternò sotto la guida del capitano, Angelo Accardo - sono stati individuati e denunciati a piede libero i due giovani responsabili. Si attende che la magistratura valuti ora le indagini condotte dai Carabinieri e decida se emettere o meno le ordinanze di custodia cautelare.

Intanto, nella seduta di ieri è stata presentata una mozione sottoscritta da tutti i capi gruppo delle forze politiche consiliari. Un atto condiviso da maggioranza e opposizione finalizzato ad “intensificare l’impegno a favore della sicurezza, dell’ordine pubblico e della legalità e a mettere in atto ogni forma di collaborazione e coordinamento con le autorità competenti e con le forze dell’Ordine nel costante monitoraggio dei fenomeni criminosi e nel miglioramento del controllo del territorio”.

In particolare, il Consiglio ha chiesto al sindaco Nino Naso e alla giunta d’impegnarsi a realizzare il potenziamento del servizio di pattugliamento della Polizia municipale, in accordo con la Prefettura, dei Carabinieri e Polizia di Stato; ad istituire l’attivazione di un numero telefonico attivo 24h su 24 a cui possono accedere tutti i cittadini anche in forma anonima per denunciare fatti sospetti di criminalità; a potenziare i sistemi di video sorveglianza; a creare un coordinamento di sicurezza urbana; e a promuovere maggiormente la cultura della legalità nelle scuole. All’unanimità sono stati poi votati gli emendamenti presentati il primo dalla consigliera Rosanna Lauria che ha chiesto la rimodulazione della turnistica dei vigili urbani allo scopo di garantire maggiore sicurezza nei presidii scolastici. Mentre il secondo è stato proposto dal consigliere all’opposizione Anthony Distefano (Rialzati Paternò) che ha richiesto alla giunta e al sindaco di rendicontare entro 60 giorni quanto fatto in tal senso. Alla seduta c’era anche il comandante della Polizia municipale della città, Antonino La Spina che ha parlato delle prossime azioni che cercheranno di portare avanti per assicurare maggiore controllo in città. In riferimento, invece, al fatto che i due presunti responsabili degli incendi siano ancora a piede libero, ha ribadito come la normativa attuale non preveda le misure cautelari per reati le cui condanne sono inferiori a tre anni.

E tanti sono stati infine gli interventi da parte dei rappresentanti dei quartieri che hanno chiesto maggiore tutela in una città dove sembrano non esistere regole e controllo.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento