Live Sicilia

L’annuncio

Sac Service, 300 posti di lavoro
Presentate oltre 15 mila domande


Articolo letto 6.023 volte
aeroporto, aeroporto catania, bando, lavoro, sac, Economia

Le pre-selezioni per le figure di addetto security e assistente passeggeri cominceranno il 7 febbraio. Tutti i dettagli del bando.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA – Nuove opportunità di lavoro in Sac Service. A farsi avanti saranno oltre 15 mila candidati per aggiudicarsi 300 posti di lavoro in aeroporto come addetto ai controlli di sicurezza GPG (Guardia Particolare Giurata) e assistenza ai passeggeri PRM. Le pre-selezioni cominceranno mercoledì 7 febbraio e interesseranno i candidati che lo scorso anno avevano già presentato domanda per il bando SAC Service relativo alla ricerca di risorse da destinare al bacino di riserva dello scalo. Si tratterà, infatti, di personale stagionale di cui la Sac service – società partecipata della Sac, società di gestione dello scalo – si avvarrà in special modo nei periodi di picco dell’attività aeroportuale, ovvero circa 9 mesi su 12 all’anno. I dettagli della nuova operazione sono stati illustrati da
Giuseppe Interdonato, amministratore Unico SAC Service (controllata SAC che gestisce, fra gli altri, i servizi di sicurezza, assistenza disabili, help desk e parcheggi nell’Aeroporto di Catania) nel corso della conferenza stampa di oggi alla quale hanno preso parte anche la presidente di SAC, Daniela Baglieri, e l’avvocato Alberto Giaconia, consulente legale SAC Service. 

“Nel 2000 avevamo meno di 4 milioni di passeggeri. Adesso siamo a 9 milioni – ha spiegato Interdonato - Ci siamo resi conto di avere un organico insufficiente a far fronte alla crescita dello scalo”. La scelta di assumere 300 nuove risorse (di cui 200 addetto security e 100 assistenza passeggeri) è nata appunto dall’esigenza di dotarsi di personale altamente professionalizzato a cui ricorrere in caso di necessità. La graduatoria finale, infatti, non darà diritto all’assunzione. I 300 idonei, inoltre, prima di iniziare ad espletare i servizi all’interno dello scalo, saranno prima formati da istruttori certificati e qualificati. “Per SAC Service, attualmente sottodimensionata – prosegue Interdonato - questo nuovo elenco di riserva è assolutamente fondamentale per assicurarsi quella disponibilità di personale qualificato commisurata ai crescenti flussi di traffico passeggeri dell’aeroporto di Catania, oltre 9,1 milioni nel 2017. Se infatti l’ordinaria amministrazione riesce ad essere gestita con l’organico attuale, i picchi di alta stagione ci vedono in difficoltà: la scorsa estate, con il bando per reclutare 60 GPG con certificazione Enac, abbiamo reperito solo 3 idonei su 36 candidature”.

Non solo. Tutte le procedure di selezione delle nuove assunzioni saranno esternalizzate, saranno cioè affidate ad una società esterna alla Sac Service e alla stessa Sac. Una scelta fortemente voluta dai vertici dell’aeroporto allo scopo di garantire procedure trasparenti nonché di ridurre a zero eventuali future allusioni a criteri clientelari adottati nella selezione dei nuovi assunti. Sarà un bando, praticamente, blindatissimo per la Sac e Sac service, che conosceranno solo alla fine i nominativi delle nuove 300 risorse. Il concorso si suddividerà in una prima prova (pre-selezione) e seconda prova, e saranno espletate dalla ditta aggiudicataria, la Merito srl di Genova – Gruppo Randstad (società leader nelle selezioni per conto delle più importanti amministrazioni centrali dello Stato, come i ministeri della Giustizia e dell’Interno, l’Agenzia delle Entrate, l’Inps e l’Inail). 

“Ringraziamo Interdonato. La Sac service sotto la sua direzione è già riuscita a rispondere a domande di picco come la stagione summer – ha detto invece la presidente della Sac, Daniela Baglieri - È chiaro che abbiamo messo tutti sotto pressione. Ma questo ci ha consentito di rispettare la carta dei servizi e anche di migliorarla. L’immagine di Sac Service passa proprio dagli operatori che sono a contatto con i passeggeri. Adesso siamo in una fase di progettazione e sviluppo dello scalo, dobbiamo quindi governare i processi e non essere governati, tentando dunque di dare linfa alle infrastrutture e dall’altra parte acquisire le risorse umane che andranno a espletare questi servizi”. La Baglieri si è soffermata sulla oggettive difficoltà di reperire nel mercato del lavoro profili professionali così qualificati. “Saranno risorse che, al di là dei titoli, dovranno avere con competenze accreditate da enti specifici. Questa attività selettiva ci consente in un primo tempo di individuare gli idonei e poterli formare, per poi avvalercene nei momenti di picco. Si tratta di un settore altamente regolamentato che necessita di certificazioni dagli enti preposti. Per questo è importante formare e accreditare questo vivaio di addetti specializzati”. 

I contenuti dei questionari saranno noti solo alla società di selezione; e arriveranno a Catania con trasporto dedicato; per ciascun turno di selezione il questionario sarà estratto in aula da tre candidati testimoni; i questionari saranno consegnati con modalità di stampa “randomizzata”, per evitare che si possa copiare; sorveglianza capillare in aula: una persona ogni 20 candidati; ognuno provvederà ad abbinare il proprio nominativo con l’elaborato con codici a barre criptati; le correzioni saranno pubbliche ed immediate: ovvero al termine di ogni sessione d’esame; ciascun candidato avrà le credenziali personali per l’accesso agli atti on-line dove visionare l’immagine della propria scheda risposta, la scheda anagrafica, il questionario somministrato e la griglia di correzione.

Sulla società affidataria delle selezioni per i nuovi 300 posti di lavoro in Sac Service si è soffermato l’avvocato Alberto Giaconia, consulente legale di SAC Service. “Trasparenza, imparzialità ed efficienza sono queste le linee guida che ci hanno condotto alla scelta società di questa società. Siamo certi che ci potranno garantire serietà e affidabilità”. E sulle tappe della selezione l’avvocato spiega che “il test prevede 45 domande a risposta multipla (10 delle quali sono quesiti sulla conoscenza base della lingua inglese). Dopo la correzione, pubblica e immediata, per impedire che possano essere modificate, Merito predisporrà due liste dei candidati idonei alla seconda prova: 300 i candidati per la security, 150 per i PRM. Al termine di questa seconda prova, in programma il 19 febbraio (h. 9.00 per GPG, ore 14 per PRM), Merito redigerà l’elenco definitivo, con valenza triennale, composto da 200 nominativi per la security e 100 per i PRM”, conclude Giaconia.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento