Live Sicilia

SCATTANO GLI INTERROGATORI

Maxi inchiesta al Comune
“Così i dipendenti truffavano”


Articolo letto 39.767 volte
Catania, comune, inchiesta, truffa, Catania, Cronaca

Pieno di benzina per tutti. La pista degli inquirenti. Tutti i particolari

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA – C'è l'inchiesta della magistratura sui rifornimenti di benzina delle autovetture comunali, una maxi inchiesta coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro che coinvolge anche un dirigente amministrativo di punta: è accusato di aver vidimato i documenti che attestavano la regolarità dei rifornimenti di carburanti.

IL BENZINAIO – Lunghe code ogni giorno in via Gabriele D'Annunzio, i dipendenti comunali finiti nel mirino della magistratura si rifornivano in un distributore convenzionato: quello di piazza Ludovico Ariosto, estraneo alle indagini. E proprio lì, tra gli automezzi comunali, soprattutto quelli – come risulta a Livesicilia – addetti alla nettezza urbana, con una certa frequenza spuntavano bidoni da riempire e pieni sospetti: paga il Comune di Catania. Si tratterebbe di un meccanismo ben oleato.

IL DIRIGENTE – Tra gli indagati c'è un dirigente di punta del Comune che avrebbe confermato la regolarità dei rifornimenti. Gli inquirenti stanno valutando se fosse a conoscenza di quanto accadeva tra i dipendenti comunali.

INTERROGATORI – Sono in corso gli interrogatori degli indagati, non pochi. Convocati dall'organo investigativo al quale sono state delegate le indagini, hanno già nominato i legali di fiducia. Secondo alcune indiscrezioni, ci sarebbero decine di sospettati. Si attendono sviluppi nelle prossime settimane.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento