Live Sicilia

la nota dei sindacati

Cipi, l'azienda annuncia la chiusura
L'appello contro la delocalizzazione

azienda, Catania, cgil slc, chiusura, cipe, fistel cisl, ugl, Cronaca

Sono 53 i lavoratori dell'azienda nazionale, leader nel settore della pubblicità, che da domani non avranno più un lavoro.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA – C'è una nuova azienda che non riesce più ad andare avanti a Catania. Si tratta della CIPI, che ha annunciato di dover chiudere i battenti a causa delle difficoltà
economiche derivanti dal costo del personale e dalle tasse divenute insostenibili. Da domani saranno 53 i lavoratori a spasso. Un dramma quello che si abbatte sulle vite di queste famiglie catanesi. A darne comunicazione sono i rappresentanti sindacali Gianpiero Vasta della Cgil Slc , Antonio D'Amico, segretario regionale Fistel Cisl e Bernardo Cammarata della UGL Chimici.“Mentre il governo nazionale – si legge in una nota – annuncia agevolazioni rivolte al rilancio delle aziende del sud, in Sicilia, si prospettano nuovi tagli di personale nel settore delle cartotecniche. E' la volta di CIPI, marchio noto a livello internazionale, con sede produttiva a Catania. Le organizzazioni sindacali hanno ricevuto comunicazione informale da parte dell'imprenditore Rosario Circo”.

L'azienda, fondata negli anni '60 dallo stesso imprenditore, è stata oggetto di diversi passaggi di proprietà tra la vecchia Seat Pagine Gialle e la famiglia Circo, rientrata definitivamente nel marzo del 2014, a seguito di una ristrutturazione che ha comportato il licenziamento del 50% del personale in forza a Catania. “Sono stati anni difficili e densi di sacrifici, anche economici, per i dipendenti della sede catanese. Con un fatturato in aumento del 40% rispetto al 2016, oggi l'azienda esprime cordoglio per una ‘necessaria chiusura della filiera produttiva della sede catanese’ a causa dell'alto costo del lavoro e delle tasse da versare per mantenere in attività l'organico e la struttura logistica”. Proseguirà però “l'attività commerciale della sede centrale milanese e il lavoro di personalizzazione verrà principalmente eseguito all'estero. Siamo, di nuovo, di fronte ad un gravissimo tentativo di delocalizzazione - evidenziano - che vedrà 53 famiglie siciliane da domani senza lavoro. In attesa di ricevere le comunicazioni ufficiali di avvio della procedura, le organizzazioni sindacali presenti in azienda dichiarano che verranno messi in atto tutti i mezzi di contrattazione e di mobilitazione indispensabili per mantenere inalterato il perimetro occupazionale della sede catanese”, concludono.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento