Live Sicilia

ECONOMIA

Dagli antichi vigneti
il successo a Shanghai


Articolo letto 1.907 volte
claudia sciacca, valle delle ferle, Catania, Economia

L'esperienza della giovane imprenditrice Claudia Sciacca.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA – Una giovane azienda catanese, tenuta Valle della Ferle, ha rappresentato le eccellenze italiane a Shangai, durante l'ultima fiera internazionale, dopo Anuga 2017, la più importante fiera del food in Germania.

È il frutto dell'intuizione di Claudia Sciacca, 31 anni, ingegnere che, all'improvviso, ha scelto di investire sulla viticoltura biologica con mezzi tradizionali, ridando vita agli antichi innesti per la produzione di Cerasuolo di Vittoria, unica Docg siciliana, Frappato e Nero d'Avola. “Da sempre – spiega Claudia Sciacca a Livesicilia – sono stata innamorata della nostra terra, dei sapori e dei nostri paesaggi”. Poi la folgorazione, a Caltagirone, dove il Cerasuolo viene prodotto ad un'altezza maggiore di Vittoria, dando vita a una diversità organolettica molto apprezzata.

I vigneti di Valle delle Ferle sono i più antichi di Caltagirone, prima si chiamavano Imakara, hanno un'estensione di 10 ettari, a bassa resa, per privilegiare la qualità. Il terreno è di origine alluvionale, prevalentemente sabbioso e argilloso di medio impasto, ricco di scheletro.

Claudia Sciacca, per sviluppare il progetto di gestione del vigneto, lavora a stretto braccio con gli enologi Andrea Marletta e Giuseppe Romano.

Primo traguardo, 22mila bottiglie e adesso punta alla certificazione del biologico.

“Sono orgogliosa dell'esperienza di Shangai – conclude Claudia Sciacca, è la dimostrazione che il nostro futuro potrebbe essere migliore puntando sulla nostra terra e sui prodotti di eccellenza”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento