Live Sicilia

TELECAMERA NASCOSTA

"Voto di scambio alle regionali"
L'inchiesta de Le Iene VIDEO


Articolo letto 32.754 volte
acireale, iene, inchiesta, voto di scambio, Cronaca

L'inchiesta di Ismaele La Vardera e Massimo Cappello scuote la provincia di Catania. CLICCA QUI PER VIDEO INTEGRALE 




ACIREALE – Due pezzi da cinquanta euro in cambio di due voti per il consigliere comunale Castro, candidato alle regionali con Forza Italia. Tutto immortalato dalle telecamere delle Iene in un servizio televisivo che sta facendo salire la tensione nel cuore della provincia di Catania.
Un servizio curato da Ismaele La Vardera e Massimo Cappello (CLICCA QUI PER VIDEO INTEGRALE), che si sono attivati dopo la segnalazione, da parte di una acese che, indossando la telecamera nascosta, ha filmato un'esercente che offriva “100 euro” in cambio di “nome, cognome, sezione”, per votare “Castro, Forza Italia”, candidato alle regionali.
Le telecamere delle Iene filmano ogni cosa. Il giorno dopo il voto la donna armata di telecamera occultata torna dall'edicolante, che ammette di aver ricevuto “3.500 euro, per trovare 88 voti”
Il candidato avrebbe consegnato 3.500 euro sulla “fiducia”, la procacciatrice, però, non lo conoscerebbe “direttamente”. Cinquanta euro a voto, si tratta del noto consigliere comunale di Acireale, che ha sempre rivendicato “la credibilità della politica”.
Ismaele La Vardera intervista il diretto interessato facendo visionare il video realizzato con la telecamera nascosta. “Una fangata – commenta Castro - porti questo video in Procura, c'è qualcuno che a mia insaputa...il reato è gravissimo, da arresto immediato”.
La segnalatrice, però, all'improvviso ha paura, parla dell'intervento di “mafiosi”.
Incrociando i nomi che appaiono nella lista in mano all'edicolante, Ismaele La Vardera scova qualcuno che ammette di aver votato per “Castro”. Una signora conferma di aver fatto la spesa con i soldi incassati dopo il voto, “soldi in prestito”.
“Ma tu perché non te ne vai pezzo di m...a”, grida il figlio di una delle votanti, mentre un'altra testimone spiega che “con 50 euro influenzi tante persone e che a nessuno interessa del voto”.
A questo punto la donna che ha pagato le somme in cambio dei voti, ammette che a procacciare le preferenze sarebbe stato un certo “Santo”, quando le Iene lo vanno a cercare, scovano un'auto blu con a bordo il consigliere Castro, che subito dopo inizia quella che appare come una lunga fuga, che finisce in autostrada, a 160 chilometri orari.
“Voi siete siciliani e lo capite? .- conclude il fidanzato della donna che ha comprato i voti - lei non può fare né nomi né cognomi”.
Un giallo che sicuramente, nelle prossime ore, finirà nel mirino dei magistrati.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento