Live Sicilia

LO SPETTACOLO

"No, non sono Molly Bloom"
in scena a Catania


Articolo letto 6.742 volte
Catania, giuseppe mazzone, molly bloom

Lo spettacolo dello sceneggiatore catanese Giuseppe Mazzone. LE FOTO

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Debutta il 24 novembre lo spettacolo teatrale “No, non sono Molly Bloom” alla sala Magna di via Adua 3. Un’opera di Giuseppe Mazzone messa in scena per la prima volta nel 1999. La Molly Bloom dello sceneggiatore catanese sarà interpretata dall’attrice e ballerina Barbara Cracchiolo, la regia affidata a Salvo Nicotra, le musiche originali di Eugenio Arezzo e Orazio Indelicato direttore di scena. “Molly Bloom è una donna dell’età giusta – racconta Giuseppe Mazzone – arrivata, totalmente indipendente, che ha amato, ama e può ancora amare. Aspetta e si prepara per un appuntamento, per una cena, per andare a teatro o chissà dove, ma il suo cavaliere non arriva, in ritardo lui? O lei ha cominciato a sistemarsi troppo presto?". "Non importa e avanti e indietro nella sua stanza si immerge nei suoi pensieri, nei suoi ricordi, nei sogni, nelle evocazioni e ripercorre tutto, fantasticando e catapultandosi in situazioni mai vissute o da vivere”, spiega.

Questo è il monologo di Molly che si rifà a quello del capolavoro del novecento di Joyce, l’Ulisse, un capitolo particolare dedicato alla moglie del Protagonista, scritto senza nessuna punteggiatura con una tecnica di scrittura,chiamata “flusso di coscienza” , attraverso la quale i pensieri della protagonista scorrono ripercorrendo gli stati d’animo, le ansie e le emozioni del personaggio. “Abbiamo trovato, dal 1999 a oggi, un personaggio attuale con una messa in scena diversa rispetto alla prima produzione – racconta Salvo Nicotra – in più una Barbara Cracchiolo che incarna perfettamente la figura di Molly. Un monologo anche danzato e dove l’aspetto gestuale diventa parte integrante dello spettacolo”.

Coreografa, attrice, insegnante di danza e repertorio da Musical, questa è Barbara Cracchiolo. “E’ il gioco della vita, una donna che si pone in tutte le sue sfaccettature, da quelle più ovvie e quotidiane a quelle interiori, recondite – descrive così il personaggio di Molly Bloom la Cracchiolo – una donna che ha un passato e lotta per avere un futuro e soprattutto, Molly, ama. Ama tutto quello che le è accaduto, le cose positive e quelle negative, tutto. Ama tutto quello che dovrà ancora vivere”.  Un monologo sorprendente con un finale assolutamente inatteso. Appuntamento in Sala Magma, alle ore 21,00 di venerdì prossimo.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento