Live Sicilia

Mafia - il blitz

La nuova cupola di Cosa nostra
La mappa della famiglia Santapaola


Articolo letto 67.207 volte
catania arresti catania, catania mafia, mafia, Cronaca

Ecco cosa emerge dalle carte dell'inchiesta "Chaos".

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Antonio Tomaselli sarebbe diventato il riferimento militare della famiglia Santapaola Ercolano lo scorso ottobre. Meno di un anno seduto sul trono del padrino e sono scattate le manette. Forse il nuovo boss, conosciuto come Penna Bianca, sentiva che qualcosa poteva succedere perché il suo nome e la sua faccia erano finiti molte volte, anche se tra le righe, negli atti della maxi inchiesta Kronos dello scorso anno. Già all'epoca Tomaselli sarebbe stato il referente delle "messe a posto", ma una volta che Francesco Santapaola, detto Coluccio, e il fidato Franco Amantea, sono finiti alla sbarra, avrebbe avuto la piena gestione della "carta". Insomma aveva pieno controllo dei guadagni illeciti. Ma come ogni buon capo che si rispetti: aveva onori ma anche oneri. Penna liscia (questo il nomignolo che compare nell'ordinanza della Gip Sammartino, ndr),  infatti, avrebbe avuto il compito anche di amministrare i pagamenti degli stipendi. E inoltre sarebbe stato il referente per i rapporti con gli altri clan alleati e anche le cosche organiche a Cosa nostra. Che a Catania significa famiglia Mazzei, l'unica altra famiglia catanese oltre Santapaola accreditata a Palermo.

Tomaselli avrebbe avuto i suoi uomini fidati. Il Ros - con il coordinamento della Dda - sarebbe riuscito a ricomporre l'organigramma e a qualificare mansioni e ruoli. Il boss avrebbe potuto contare sul supporto di Carmelo Distefano. Le indagini scattate da settembre 2016 e concluse poco meno di due mesi fa hanno documentato una serie di contatti tra Distefano ed esponenti del clan Mazzei, che si sarebbero rivolti a lui per poter "conferire" con Tomaselli, considerato il "responsabile dei Santapaola". Carmelo Cristian Fallica avrebbe avuto invece il ruolo di "portavoce" e, sempre su delega, avrebbe presenziato a incontri molto riservati.

Tomaselli ha cercato di rimettere in piedi le file dopo il "chaos" provocato dalla retata Kronos. Sarebbero state ridisegnate tutte le mappe criminali. A San Giovanni Galermo il responsabile sarebbe Luca Marino. Ai suoi ordini Salvatore Fiore, Turi ciuri, Giovanni La Mattina, Antonio Mangano, Roberto Marino (padre di Luca), Arturo Mirenda, Francesco Lucio Motta e Christian Paternò. Lo storico gruppo della Stazione sarebbe invece sotto le redini di Alfio Davide Coco. La squadra, poi, sarebbe composta da Angelo Arena.

Fuori da Catania i centri di potere sarebbero Lineri, frazione misterbianchese, Giarre, Paternò, Palagonia e Lentini. In quest'ultima città nel siracusano a fare da "padroni" sono gli affiliati del clan Nardo. Ma andiamo per ordine.

Il gruppo di Giarre sarebbe composto da Orazio Di Grazia, il numero 1 dopo Carmeluccio Oliveri del clan Brunetto, e anche Salvatore Leonardi, della squadra di Randazzo, che però fa riferimento ai boss di Giarre.

Carmelo Distefano è il capo di Lineri, insieme al suocero Carmelo Rannesi, ex malpassotu da poco ritornato in libertà. A supporrarli Corrado Monaco.

Fallica, invece, avrebbe un ruolo di cerniera con Paternò. Gli inquirenti lo descrivono come il "vettore comunicativo" tra Catania e il centro etneo.

A Palagonia gli equilibri dopo l'arresto di Alfonso Fiammetta, Febronio (fratello di Pasquale) Oliva nel blitz Kronos e di Carmelo Terranova, sarebbero cambiati. A prendere potere sarebbe stato il figlio del boss calatino: Gaetano Fiammetta avrebbe tenuto i contatti con Catania attraverso Sebastiano Vespa, conosciuto come "U Nanu".

Un discorso a parte merita il clan Nardo di Lentini. Importante l'intercettazione dove si sente un affiliato dire "Lentini è Catania". Questo fa capire quanto nell'assetto mafioso di Cosa nostra la città della provincia siracusana abbia un ruolo ben definito all'interno della cupola. Sono finiti in manette diversi gregari della cosca: Francesco Caltabiano, Salvatore Catania, Fabrizio Iachininoto e Cirino Rizzo.

I quattro del clan Nardo avrebbero preso parte a un summit. Alla riunione mafiosa avrebbe partecipato Fallica, in rappresentanza del boss Tomaselli. L'incontro sarebbe stato organizzato per ristabilire confini e competenze. Fallica avrebbe chiarito che "per i catanesi ci sono solo io" e avrebbe segnalato l’esigenza di "ritornare come prima". Ed inoltre avrebbe ribadito l’inscindibile legame tra "catanesi" e "lentinesi".  "Gli ergastoli che ci sono qua, sono per i catanesi e non per i lentinesi", registrano le cimici del Ros. Tra Caltabiano e Tomaselli, infine, vi sarebbe stata una privilegiata e riservata relazione mafiosa. L'esponente dei Nardo considerava Penna bianca il boss deputato a "pagare gli operai". Chiaro riferimento agli stipendi da versare ai vari affiliati.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento