Live Sicilia

il caso

Oda, denunciata morte sospetta
Landi: "Escludo ogni responsabilità"


Articolo letto 3.006 volte
Catania, oda, Cronaca

Las Procura ha aperto un'indagine.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA – Saranno gli esiti delle indagini a chiarire le cause della morte della giovane mascalucese Serena Floresta, 27 anni, deceduta il 2 ottobre scorso all’ospedale Garibaldi di Catania dopo essere stata trasportata dal Convitto Oda (Opera Diocesiana Assistenza) di San Nullo, dove da circa tre anni era ricoverata. Le condizioni di salute della giovane, affetta sin dalla nascita da una grave disabilità, si sarebbero improvvisamente aggravate nella notte precedente alla morte, per via di un’occlusione intestinale. Il decesso sarebbe avvenuto poche ore dopo il trasferimento d’urgenza con ambulanza nel nosocomio di Catania.

La famiglia della giovane ha presentato una denuncia nei confronti dei sanitari della struttura dell’Oda affinché si faccia piena luce sulle ragioni che hanno portato alla morte di Serena. I parenti hanno infatti avanzato dei dubbi e delle perplessità sulle cure ricevute della giovane e sull’operato dei sanitari della struttura. L’autopsia sul corpo della ragazza è già stata eseguita il 9 ottobre nella camera mortuaria dell’ospedale Garibaldi. Lo scorso 10 ottobre, si sono anche svolti i funerali nella chiesa madre di San Giovanni La Punta.

Il commissario Landi escude categoricamente ogni responsabilità dell'Oda sulla vicenda. "Alla luce dell'indagine interna - afferma il commissario - escludo qualsiasi responsabilità da parte dell'Oda. I nostri legali erano presenti durante l'autopsia - afferma ribadendo: mi sento di escludere responsabilità".

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento