Live Sicilia

paternò

Scippi seriali ai danni di anziane
In manette un 21enne catanese


Articolo letto 4.040 volte
, Cronaca

L'indagine prende le mosse da 4 denunce. VIDEO

VOTA
0/5
0 voti

PATERNO' - Nel pomeriggio del 9 Agosto 2017, militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Paternò, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare in carcere nei confronti di Salvatore Giuliano Cunsolo, di anni 21, originario di Catania. L'ordinanza del GIP del Tribunale di Catania è stata emessa su richiesta della Procura della Repubblica.

Le indagini condotte dai Carabinieri hanno preso avvio da quattro denunce presentate nel marzo 2017 per furti con strappo in danno di donne anziane, presentate presso la Stazione Carabinieri di Paternò. Le borse delle signore contenevano oltre ai documenti, bancomat e oggetti personali, anche somme in contanti. In particolare, in due circostanze le vittime oltre al furto, hanno subito importanti lesioni. Una signora di 82 anni a causa dello scippo, ha riportato un “trauma contusivo alla spalla sinistra in assenza di lesioni ossee traumatiche e un trauma alla spalla destra sede di pregresso intervento chirurgico per una prognosi di giorni 15 salvo complicazioni”. Un’altra signora di 68 anni riportava una diagnosi di “frattura collo-omero sinistro per una prognosi di 30 giorni salvo complicazioni”.

Entrambe le donne, a causa delle lesioni subite, erano state ricoverate presso l’ospedale SS. Salvatore di Paternò. Le immagini acquisite nell’immediatezza degli eventi hanno permesso di risalire alla vettura usata dal giovane per darsi alla fuga, una Fiat Punto, auto che è stata prontamente rintracciata dai militari. A bordo del veicolo è stata rinvenuta parte della refurtiva, successivamente restituita alle aventi titolo.

I militari hanno notato all’interno della Fiat Punto anche un’ immagine e preghiera di “S Rita”, con relativa custodia di colore marrone, che una delle vittime aveva indicato presente nella propria borsa al momento dello scippo. L’attività dei militari è proseguita anche presso l’abitazione dell’indagato, dove è stato rinvenuto anche l’abbigliamento utilizzato durante le azioni delittuose.

I reati contestati, furto con strappo e lesioni, sono aggravati dall’aver approfittato di circostanze di persona (riferiti all’età delle vittime), tali da ostacolare la privata difesa, oltre alla recidiva specifica infraquinquennale. Il 21enne si trova ristretto presso la casa circondariale di Catania Lanza.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento