Live Sicilia

Pubbliservizi

Ontario: "Serve ricapitalizzare"
I sindacati: "Passare ai fatti"


Articolo letto 871 volte
, Economia

Oggi riunioni tra l'amministratore Silvio Ontario e i rappresentanti sindacali.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Si sono tenuti stamane in PubbliServizi due diversi incontri con le sigle sindacali, per confrontarsi con i rappresentanti di tutti i lavoratori. Al centro dei colloqui, la difficile situazione finanziaria della società e le sue possibilità concrete di domani, innanzitutto a tutela dei livelli occupazionali. "Come amministratore unico", ha dichiarato Silvio Ontario, "avevo assolutamente bisogno di spiegare ai lavoratori l’impegno fin qui portato avanti da me e dal mio team, a partire dal prezioso consulente Marcello Gulisano, recentemente bersaglio di duri attacchi del tutto pretestuosi, che sta approntando un dettagliato piano per tentare di uscire dalle secche, individuando innanzitutto i molti sprechi storici dell’azienda. Solo per fare un esempio, in breve siamo riusciti a ridurre di non poco il consumo di carburante. Ora siamo al lavoro, e su questo ho chiesto e ottenuto il pieno sostegno dei sindacati, sui cosiddetti “superminimi”, che in pochi anni sono divenuti un peso insostenibile per i conti dell’azienda".

"Nel tempo si sono stratificati privilegi del tutto intollerabili, paralleli ad altrettanto intollerabili ingiustizie", ha proseguito Ontario, "ma è anche corretto evidenziare come non possa essere il solo congelamento dei superminimi a sanare un bilancio pesantemente deficitario. Chiederò agli enti soci, ossia, nella sostanza, alla Città metropolitana, una veloce ricapitalizzazione, dopo la quale sarà necessario trasformarsi radicalmente, mutare pelle, forma e, soprattutto, anima per costruire una società in grado di sostenersi e sostenere le sfide del futuro".

Non si è fatta attendere la nota dei sindacati. "Se si vuole risanare davvero la Pubbliservizi, occorre passare dalle parole ai fatti. Se invece si vuole perdere ulteriore tempo, ci rivolgeremo alla Corte dei Conti". È quanto dichiarano Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uil Trasporti di Catania dopo l’incontro di stamattina con il presidente della Pubbliservizi, Silvio Ontario, e il consulente Marcello Gulisano. Il presidente Ontario ha comunicato alle organizzazioni sindacali quanto dovrà riferire sulla grave situazione patrimoniale della Pubbliservizi nella prossima assemblea dei soci, i quali dovranno decidere se liquidare la società o ricapitalizzarla.

Il presidente ha preannunciato il percorso di risanamento della partecipata attraverso misure volte a eliminare sprechi e abusi, a bloccare superminimi e livelli di inquadramento dati arbitrariamente, senza nessuna contrattazione collettiva di 2° livello né tanto meno delibere in seno del consiglio di amministrazione. Per quest’ultimo argomento è stato chiesto parere all’avvocato Andronico. L’azienda ha inoltre comunicato che il risanamento passa anche attraverso l’economizzare i consumi di carburante, il noleggio di attrezzature amministrative e mezzi, l’affidamento a ditte esterne per l’espletamento dei lavori e quant’altro volto all’economia generale.

"Prendiamo atto del percorso del risanamento che il presidente della Pubbliservizi vuole intraprendere – dichiarano le segreterie provinciali di Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uil Trasporti – ma se si vuole dare un segnale di discontinuità con il passato si deve passare immediatamente dalle frasi sentite e risentite da parte di tutti i presidenti che si sono susseguiti sui buoni propositi di legalità, giustizie eccetera, ai fatti concreti più volte evidenziati". "Pertanto – aggiungono – se il percorso è quello del vero risanamento, ben vengano le consulenze mirate a trovare e distruggere il “cerchio magico” fatto di abusi e complicità volte a comprare il silenzio di comari e compari del malaffare".

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento