Live Sicilia

61° Gruppo di Volo

Sorveglianza dei cieli
i Predator a Sigonella


Articolo letto 1.189 volte
, Cronaca

Alla cerimonia ha presenziato il Comandante delle Forze da Combattimento dell’Aeronautica Militare Italiana, Generale di Divisione Aerea Silvano Frigerio.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - E' stato ricostituito a Sigonella il 61° Gruppo di Volo dell’Aeronautica Militare Italiana che disporrà di velivoli a controllo remoto MQ1-C meglio noti come “Predator +”. Alla cerimonia ha presenziato il Comandante delle Forze da Combattimento dell’Aeronautica Militare Italiana, Generale di Divisione Aerea Silvano Frigerio, congiuntamente alle massime autorità civili e militare di Catania, Siracusa e delle due province.

Lo rischiaramento di questo modernissimo velivolo a pilotaggio remoto (VPR) rappresenta per la base di Sigonella un ulteriore mezzo per consolidare la sorveglianza sui cieli d’Italia e dell’intero Mediterraneo sia a i fini della sicurezza nazionale e dei paesi alleati che per la sorveglianza nell’ambito dei dispositivi “Mare Nostrum”, “Mare Sicuro” e “Triton” alcuni di questi messi in atto con le sinergie dei paesi alleati.

Il 61° Gruppo di Volo, oggi costituito, manterrà la sua dipendenza gerarchica dal 32° Stormo di Amendola e opererà mediante equipaggi del 28° Gruppo di Volo dotati del necessario back-ground per il pilotaggio e la manutenzione dei velivoli “Predator” oltre che con personale del 41° Sotrmo adeguatamente formato per gestire ogni evenienza legata alla presenza di questi VPR.

A completezza d’informazione va comunque detto che i velivoli “Predator” erano già operativi da Sigonella e ad oggi hanno effettuato oltre 1000 ore di attività di volo soprattutto nell’ambito del monitoraggio dei flussi migratori da vicino continente nord africano.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento