Live Sicilia

l'inchiesta

L'incidente e l'omicidio stradale
"Così è stata uccisa Melania"


Articolo letto 33.681 volte
Catania, catania melania vinci, catania omicidio stradale, melania vinci, Cronaca

Imputato un 23enne: la sua Audi A4 è sbandata travolgendo la giovane giarrese.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA. Sarà il giudice per le udienze preliminari Santino Mirabella a decidere il prossimo 27 giugno sulla richiesta di rinvio a giudizio formulata dal pubblico ministero Francesco Brando per il 23enne Nazareno Agatino Garozzo. Il giovane, che dovrà rispondere di omicidio stradale, è accusato di aver investito e ucciso, nell'agosto dello scorso anno, la 35enne giarrese Melania Vinci. Secondo la Procura di Catania l'imputato, alla guida della propria automobile, un'Audi A4, avrebbe causato la morte della donna per imprudenza, imperizia e per la violazione delle norme contenute nel codice della strada.

Quella tragica mattina Melania Vinci, che viaggiava a bordo di una Suzuki Ignis lungo la statale 114, all'altezza della frazione giarrese di San Leonardello, venne investita frontalmente, nella propria corsia di marcia, dalla vettura guidata dal giovane. Un impatto violentissimo e devastante, come testimoniato anche dalle immagini registrate dalla telecamera di un'attività commerciale e acquisite dalla polizia municipale, che causò il decesso sul colpo della 35enne. La relazione tecnica dell'ingegnere Venero Torrisi, nominato dalla Procura per compiere la perizia sulle vetture coinvolte e sul tratto di strada teatro del sinistro, avrebbe evidenziato che l'Audi A4 procedeva ad una velocità superiore a quella consentita, i 50 km orari.

Tutti elementi che, secondo la Procura di Catania, dimostrerebbero la responsabilità del giovane nella morte di Melania Vinci. A rappresentare le parti offese, la madre ed il marito della vittima, Maria Vinci e Giuseppe Di Bella, il legale Michele Pansera.

L'INCIDENTE. E' il 25 agosto dello scorso anno quando, poco dopo le 7, due automobili, una Suzuki Ignis ed un'Audi A4, si scontrano frontalmente lungo la statale 114, nella frazione di San Leonardello a Giarre. Ad avere la peggio è la conducente della prima vettura, la 35enne giarrese Melania Vinci. Quando i sanitari del 118 giungono sul posto per la donna non c'è più nulla da fare. Melania sarebbe deceduta sul colpo. Come ogni mattina si stava recando a lavoro. Lascia un marito e due figli piccoli. Alla guida della seconda auto c'è il 22enne Nazareno Agatino Garozzo, che rimane ferito. Dai primi rilievi,compiuti dalla polizia municipale giarrese, emerge che il giovane avrebbe invaso, con la propria automobile, la corsia lungo la quale procedeva la vittima. Il sostituto procuratore di Catania Francesco Brando iscrive il 22enne nel registro degli indagati per omicidio stradale.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento