Live Sicilia

moas

Sbarcati al porto 394 migranti
Sulla Phoenix anche un cadavere


Articolo letto 4.341 volte
Catania, migranti, Moas, Phoenix, porto, Cronaca

Il corpo arrivato è quello del ragazzo che sarebbe stato ucciso a colpi di pistola da un trafficante.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - La nave Phoenix di MOAS è approdata a Catania alle 7.00 per lo sbarco di 394 migranti soccorsi ieri nel Mediterraneo Centrale. Assieme a questi, anche la salma di un ragazzo trovato morto su un gommone. Le operazioni di soccorso di ieri sono state svolte sotto il coordinamento del MRCC della Guardia Costiera di Roma, ed hanno visto la collaborazione di diverse ONG presenti nell’area. Il corpo arrivato è quello del ragazzo che sarebbe stato ucciso a colpi di pistola da un trafficante che voleva il suo cappellino da baseball e che lui si era rifiutato di dargli.

La sparatoria sarebbe avvenuta mentre la vittima era su un gommone, secondo testimonianze raccolte dai soccorritori delle Ong ora confermate dall'ispezione cadaverica. Su nave Phoenix è salito personale della squadra mobile della polizia di Stato delegata alle indagini dalla Procura distrettuale di Catania e un medico legale. Secondo i primi rilievi, il ragazzo avrebbe i segni di una ferita da arma da fuoco. Gli investigatori dovranno sentire i migranti e raccogliere le loro testimonianze sull'episodio perché le dichiarazioni rese a personale delle Ong non hanno valore probatorio. A bordo della nave c'è Regina Catrambone, fondatrice del Moas insieme al marito Christopher, che ieri ha reso noto l'episodio.

Era originario della Sierra Leone, aveva 21 anni e viaggiava insieme a un fratello più grande il giovane ucciso da trafficanti libici. Il corpo presenta almeno un colpo di arma da fuoco, verosimilmente una pistola, forse sparato alle spalle. Non è stato ancora chiarito il movente della tragedia, se legato al rifiuto della vittima di consegnare il proprio cappellino da baseball a un trafficante, che lo ha ucciso per il diniego, secondo quanto riferito da migranti ai soccorritori di Moas.

Ricostruita invece la dinamica: la sparatoria sarebbe avvenuta su un gommone e il corpo è rimasto sul fondo del natante guardato dal fratello. Poi è stato recuperato dai soccorritori. La squadra mobile della polizia di Stato che indaga su delega della Procura distrettuale di Catania sta sentendo il fratello della vittima, oltre agli altri testimoni. La magistratura, che ha aperto un fascicolo, ha disposto l'autopsia. (ANSA).

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento