Live Sicilia

Il killer di Belpasso

Dai Malpassotu ai Santapaola
Il profilo criminale di Navarria


Articolo letto 11.474 volte
Catania, catania navarria, Cronaca

Carmelo Navarria era conosciuto come lo spazzino del clan.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Negli anni Ottanta era lo "spazzino" del clan del "Malpassotu". Colui che faceva sparire i cadaveri, insomma. Carmelo Aldo Navarria, accusato di aver ordinato e ucciso Renato Caponnetto nel 2015, è stato un boss mafioso pericoloso e spietato. Il profilo criminale che si evince leggendo alcuni atti giudiziari del passato che lo riguardano, come la sentenza del processo Aria Pulita celebrato negli anni '90, è a tratti agghiacciante.

Sono almeno quattro gli omicidi per cui è stato condannato in via definitiva, uno commesso nel 1982, uno nel 1984 (con sequestro di persona), uno nel 1986 e uno tre anni dopo. Ma alla fine invece del carcere a vita è uscito dopo 26 anni. Anni dietro le sbarre in cui ha coltivato la sua vena poetica, "la ballata dell'ergastolano" è finita anche in alcuni giornali che si occupano di diritti dei detenuti.

Per un periodo è stato il braccio destro del capomafia Giuseppe Pulvirenti, si apprende da fonti investigative. E all'interno del clan - come detto - aveva un ruolo preciso: era addetto alla distruzione dei cadaveri. Una capacità che gli sarebbe servita anche per uccidere Renato Caponetto, pestato, strangolato e poi bruciato tra i pneumatici.

I giudici scrivevano che la "cava di Belpasso era diventata una sorta di campo di sterminio". Navarria finisce in galera: 26 anni dietro le sbarre però non bastano per estirpare la sua ambizione criminale. Appena fuori ha raccolto i suoi uomini più fidati, tra questi i generi e poi ha costruito un gruppo criminale dedito alle estorsioni e secondo gli inquirenti sarebbe diventato il braccio armato di Francesco Santapaola, quello che nell'inchiesta Kronos è indicato come il nuovo reggente della cupola di cosa nostra catanese.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento