Live Sicilia

taormina

Chef e medicina, alleanza
per prevenire con gusto


Articolo letto 1.486 volte
VOTA
0/5
0 voti

congresso cuochi siciliani, taormina, Zapping
TAORMINA -- Si svolgerà dal 12 al 14 marzo, presso l’Hotel Villa Diodoro di Taormina, il 34° congresso regionale dell’Urcs, l’unione regionale dei cuochi siciliani, dedicata al tema “Gusto e benessere: la cucina salutistica con i prodotti della terra e del mare di Sicilia”. Tra i relatori del convegno “La riscoperta dell’alimentazione tradizionale siciliana come fattore naturale di prevenzione primaria” ci sarà il prof. Franco Berrino, l’epidemiologo dell’Istituto Oncologico di Milano che ha dimostrato l’efficacia di alimentazione e stile di vita corretti nella cura e nella prevenzione del cancro e di molte altre malattie.

Durante i tre giorni di convegni, dibattiti e laboratori di cucina gli chef di tutte le province siciliane riceveranno aggiornamenti sui principi e sulle tecniche di lavorazione che sono alla base di un’alimentazione attenta non soltanto alla ricerca del gusto, ma anche alla tutela e alla salvaguardia della salute. “La cucina macromediterranea – anticipa Domenico Privitera, presidente regionale dell’Urcs – è la più recente scoperta della medicina naturale come rimedio e prevenzione di molte malattie. In Sicilia si producono molti alimenti ricchi di sostanze protettive e antiossidanti altamente benefiche per la nostra salute e poi c’è una solida tradizione gastronomica che ha reso famosi i nostri piatti: se queste caratteristiche vengono valorizzate e selezionate in base alle recenti acquisizioni scientifiche, si possono creare nuovi menù in grado di assicurare il gusto, il benessere e la salute. Questa è la sfida che i cuochi siciliani dovranno affrontare per aumentare la propria professionalità e fare un ulteriore salto di qualità: unire alla riscoperta delle antiche tradizioni gastronomiche locali i risultati scientifici delle più recenti ricerche in campo medico, trasformando programmi di salute in esperienze sensoriali di gusto”.

Sono oltre 2mila200 i cuochi siciliani associati all’Urcs che saranno messi in grado di formarsi secondo i principi della macrobiotica di ispirazione mediterranea. In più quest’anno, in occasione del congresso regionale di Taormina, riceveranno in omaggio la nuova tessera associativa: una chiave usb per l’archiviazione magnetica dei dati, perché la tecnologia e l’informatica, così come la medicina e la ricerca scientifica, dovranno essere gli ingredienti aggiuntivi e qualificanti degli chef di ultima generazione.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php