Live Sicilia

CULTURA E SOLIDARIETA'

Giornata della guida turistica
A Catania organizzati tre tour


Articolo letto 2.508 volte
catania guide turistiche, guide turistiche, Cronaca

I fondi raccolti saranno destinati alle zone terremotate.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Sarà il 19 Febbraio prossimo la giornata mondiale della guida turistica. A  Catania saranno organizzati tre tour. Istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guides Associations e nel nostro Paese dalla Associazione nazionale guide turistiche che prevede tour guidati nelle città dove le associazioni operano.

Quest’anno la giornata sarà dedicata alla raccolta fondi per tre progetti che riguardano le regioni colpite dal sisma. La raccolta fondi riguarderà tutta Italia e i progetti che le guide turistiche hanno individuato sono tre.

Nel Lazio per gli orfani di Amatrice, nelle Marche la ricostruzione della sede museale di Pievebovigliana a Macerata, in Umbria il restauro del tetto della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Caso in provincia di Perugia.

A Catania tre i tour che saranno dedicati alla raccolta dei fondi per le regioni colpite dal terremoto e seguiti dalle guide turistiche etnee. Al Museo dello Sbarco all’interno del centro fieristico Le Ciminiere, un itinerario tra cultura, storia e fede “da Agata a Euplio” e “Catania e la Grande Guerra” nei luoghi della prima guerra mondiale. Una giornata da dedicare a storie e racconti di guerra con immagini e cimeli all’interno del museo dello sbarco che come estensione è il secondo in Europa di questo genere, con le sue collezioni di divise storiche, di documenti originali, con le simulazioni dei bombardamenti durante lo sbarco degli alleati in Sicilia.

Un percorso nei luoghi che hanno caratterizzato le figure di Agata ed Euplio, dalla casa di Sant’Agata, quella che secondo ricostruzioni e racconti dovrebbe esssere la casa dove ha vissuto la santa Patrona della città al palazzo della cultura, che proseguirà in via Consolato della Seta verso la chiesa di Sant’Euplio fino al Cortile Pantaleo dove fu decapitato il Santo al foro Romano, poi la chiesa di Sant’Agata La Vetere fino al carcere dove fu rinchiusa Agata per concludersi nella cripta di Euplio.

Un altro itinerario che riguarderà i luoghi della memoria, dal sacrario della chiesa di San Nicolò l’Arena alle vie della città legate ai fatti e ai personaggi della prima guerra mondiale che si concluderà alla società storica Catanese.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento