Live Sicilia

l'inchiesta POLARIS

Turi Nizza, incastrato da tre pentiti
"E' il capo della piazza di spaccio"


Articolo letto 32.629 volte
catania nizza, nizza, nizza catania, Cronaca

Davide Seminara, Salvatore Cristaudo e Angelo Bombace svelano l'organigramma del gruppo santapaoliano di San Cristoforo. Al vertice Salvatore Nizza, detto Mpappocchia.

 

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Salvatore Nizza, detto mpapocchia o semplicemente papocchia, avrebbe avuto il ruolo di responsabile della piazza di spaccio di via Stella Polare. A dirlo sono diversi collaboratori di giustizia, ex organici al clan dei Nizza. "Ci sono diverse defezioni dalla cosca" - ha detto ieri Carmelo Zuccaro, procuratore di Catania, durante l'incontro alla stampa per l'operazione Polaris.

A blindare l'impianto probatorio c'è Angelo Bombace, entrato nel programma di collaborazione della magistratura da pochissimi mesi. Il verbale riassuntivo contenuto nell'ordinanza firmata dal Gip Francesco D'Arrigo è datato 7 settembre 2016. Bombace è stato arrestato nell'operazione Carthago della scorsa estate che ha smantellato il dominio dei Nizza a Librino. Il collaboratore è stato destinatario di un provvedimento di estradizione perchè viveva in Svizzera. "Già appartenente al Clan Santapaola, famiglia dei Nizza" - scrive il Gip per introdurre il profilo del collaboratore. Bombace ha rivelato i ruoli di vertice "ricoperti da Nizza Dario e Nizza Salvatore". Ruoli che sarebbero - a detta del giudice "perfettamente coincidenti con le emergenze delle videoriprese". Inoltre il collaboratore ha riferito che una parte dei proventi servivano "al mantenimento di affiliati e detenuti al clan".

Il primo a parlare del rampollo della famiglia di Librino è stato Davide Seminara, il pentito - per inquadrare meglio il personaggio - che ha permesso ai carabinieri di scovare il mega arsenale da guerra alla fine del 2014. Salvatore Nizza è in una posizione subordinata al fratello (latitante) Andrea Nizza, "ciò nonostante sia più anziano di Andrea - racconta Seminara due anni fa - il quale tuttavia essendosi reso responsabile di omicidi ed avendo la fama di sanguinario ha un maggior peso".  Andrea Nizza ha diverse condanne di primo grado per mafia e anche omicidio ed è stato inserito dal Viminale nell'elenco dei ricercati più pericolosi.

Seminara fornisce i nomi dei gregari di Salvo Nizza. Personaggi che sono stati tutti immortalati dai video delle telecamere installate dai carabinieri della Compagnia di Piazza Dante e che compongono lo zoccolo duro dell'inchiesta Polaris che ieri ha fatto scattare le manette a 29 persone. "Francesco (Conte, ndr) inteso cacaplaia fa parte del gruppo dei Nizza di San Cristoforo. Insieme a Dario figlio di  Nizza Salvatore e a Farfalla (Giuseppe Vinciguerra, ndr) ha gesito la piazza di via Stella Polare fino al mio arresto. Lo stupefacente del tipo cocaina ed erbe lo fornivamo noi di Librino" - racconta Seminara.

Le dichiarazioni dell'ex autista di Andrea Nizza sono congruenti con quelle di Salvatore Cristaudo, che a giugno dell'anno scorso racconta che Turi Mpapocchia "attualmente ha il suo gruppo formato da tale caca playa (Francesco Conte), suo figlio Dario e un altro soggetto con una Lancia [...] soprannome ricordo effettivamente trattarsi di Farfalla". Cristaudo è in grado di spiegare anche le finalità degli introiti delle piazze di spaccio di San Cristoforo. Alcune delle quali erano date in "affitto" e non gestite direttamente dai Nizza. "In una riunione a casa di Saro u rossu (Rosario Lombardo ai domiciliari per motivi di salute, ndr) ho saputo che gli introiti delle piazze di spaccio di via Stella Polare e altre del quartiere bisognava assicurare gli stipendi degli appartenenti al gruppo di San Cristoforo come Francesco Magrì, Giovanni Cavallaro, Giuseppe bicicletta, tale Ricciolino, a Giovanni e Daniele Nizza (condannati nel processo Stella Polare, ndr).

Un ruolo chiave, secondo Cristaudo, lo avrebbe avuto anche coca playa (Francesco Conte coordina pusher e vedette di via Stella Polare) che avrebbe partecipato anche a vere e proprie serrate di forza organizzate da Andrea Nizza. "Quando era necessario si prestava con il proprio scooter a fare numero con gli altri appartenenti per risolvere questioni mafiose facendo vedere la forza dei Nizza. A volte ci facevamo vedere in gruppo con i motorini per mostrare agli altri gruppi mafiosi che la famiglia Nizza ancora era forte nonostante gli arresti e la collaborazione di Fabrizio Nizza. Era Andrea che ci diceva di organizzare questi atti dimostrativi. L'ultimo lo abbiamo fatto poco prima del mio arresto, tra fine aprile e inizio di maggio scorso (anno 2015, ndr). Siamo andati in giro per diversi quartieri tra cui anche Picanello con cui ultimamente, come ho già detto, abbiamo contrasti. Siamo andati anche a Monte Po per farci vedere dagli Strano e a Nesima per farci vedere dai Mazzei".




 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento