Live Sicilia

A Bicocca e Acireale

Carceri minorili, il volontariato
non va in vacanza


Articolo letto 4.326 volte
acireale, bicocca, carceri minorili, csve, volontariato, Cronaca

Le iniziative estive organizzate dal Csve a favore dei giovani detenuti degli istituiti penali etnei.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Il volontariato nelle carceri minorili della provincia di Catania non va in vacanza e non si ferma neanche ad agosto, periodo particolarmente difficile per i giovani detenuti in quanto, in assenza dell’impegno scolastico, hanno bisogno di altre occasioni per trascorrere le giornate in maniera costruttiva. Ed ecco che in piena estate varie associazioni, con il coordinamento del centro di servizio per il volontariato etneo, hanno avviato iniziative formative, sportive e ricreative nelle carceri di Bicocca e Acireale, nell’ambito della collaborazione avviata dal Csve con gli Istituti penali minorili ed inserita nel progetto annuale del Centro. 

Le attività organizzate dal mondo del volontariato e sostenute dal Csve, verso cui le Direzioni degli Ipm hanno espresso soddisfazione e gratitudine, vanno incontro a un bisogno concreto, acuito dal ridimensionamento dei fondi destinati alle progettualità a favore dei minori ristretti. In particolare, nell’Ipm di Bicocca, dove le attività sono cominciate a dicembre con uno spettacolo a cura di Salvo La Rosa e Giuseppe Castiglia, nell’ambito del progetto “Vincere l’indifferenza” proposto dall’associazione Gianfranco Troina, tra il 26 luglio e il 2 agosto si è svolto un torneo di calcio che ha favorito la formazione di una squadra composta anche da giovani volontari dell’associazione Amici di Villa Fazio (Librino) e Mani Tese Sicilia (Monte Po). Il coordinamento di protezione civile FIR (Forza intervento rapido) ha svolto formazione sul supporto di base delle funzioni vitali, sulle norme comportamentali in caso di emergenza e sule attività antincendio. Il Csve sta anche coordinando le attività dell’associazione Con tutto il cuore, che nel mese di agosto organizzerà una partita di calcio e la proiezione di un film e, a conclusione, offrirà dolci e donerà libri.

Anche nell’Istituto penale minorile di Acireale, dove la collaborazione ha preso il via in primavera, l’associazione Con tutto il cuore ad agosto sta organizzando partite di calcio, proiezione di film e corso di pittura, mentre a settembre la Misericordia di Acireale avvierà un corso di teatro e un’attività formativa di primo soccorso. Il comitato acese del Csi (Centro Sportivo Italiano) a partire dal mese di settembre avvierà una serie di attività sportive. È fissato invece per i giorni 17, 19, 24 e 26 agosto il corso di clown terapia dell’associazione Sulle Ali del Sorriso. Tutti i momenti formativi e ricreativi all’interno delle due strutture pongono particolare attenzione alla dimensione interculturale, in considerazione del fatto che è consistente la presenza di minori stranieri (a Catania circa il 30%, ad Acireale il 50%) e che dunque, specialmente in questo momento storico, è importante che il volontariato dia il proprio contributo di solidarietà e integrazione.

Ma l’impegno del volontariato verso i detenuti non si limita all’interno delle carceri. Il Csve ha infatti sottoscritto dei protocolli di intesa con l’Uepe (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) di Catania e di Siracusa al fine di favorire la conoscenza e l'applicazione di misure alternative alla detenzione. Al tal fine sta individuando le associazioni di volontariato idonee ad accogliere i soggetti inseriti nel circuito della messa alla prova per loro il reinserimento sociale e sono stati programmati specifici incontri formativi e/o divulgativi che coinvolgeranno, a partire dal mese di settembre, associazioni, istituzioni e gli organi forensi.



/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento