Live Sicilia

l'iniziativa

Al via il percorso turistico
"La via dei Castelli dell'Etna"


Articolo letto 4.971 volte
VOTA
4/5
1 voto

, Cronaca
CATANIA - Definito il progetto regionale “La via dei castelli dell’Etna”, che l’assessore regionale al turismo e allo spettacolo, Anthony Barbagallo, ha voluto in anteprima presentare ai sindaci e agli assessori dei comuni interessati, lunedì 15 febbraio, presso gli uffici regionali dell’Esa, a Catania. L’iniziativa si colloca dentro il percorso di differenziazione dell’offerta turistica che l’assessore ha inteso avviare sin dal suo insediamento, attraverso l’individuazione di una serie di percorsi storici, culturali, monumentali, enogastronomici, che mettano a sistema da un lato le enormi risorse del patrimonio architettonico siciliano e dall’altro le eccellenze nel mondo delle produzioni alimentari.

Sotto il primo profilo, “La via dei castelli dell’Etna”, che si propone di offrire alla fruizione turistica il percorso monumentale tra le fortezze e i castelli di Aci Castello, Catania, Motta Sant’Anastasia, Paternò, Adrano, Bronte, Randazzo e Calatabiano, disegnando una vera e propria corona attorno al vulcano (la storia racconta il loro essere centri nevralgici nell’organizzazione di difesa del territorio, da invasioni e scorrerie), colma una lacuna da troppo tempo esistente: la mancanza di una pianificazione omogenea e di un progetto organico di promozione e valorizzazione di una delle più caratteristiche, e spesso poco conosciute, specificità del territorio etneo e delle millenaria storia che esso si porta dietro.

Il progetto si articola in due fasi, che verranno realizzate contestualmente: la prima riguarda l’attività di promozione del percorso, che verrà realizzata attraverso il coinvolgimento dell’associazione provinciale delle guide turistiche della provincia di Catania, attraverso l’integrazione della segnaletica esistente o la realizzazione di una nuova, ove mancante, la predisposizione di materiale informativo plurilingue, la creazione di pagine social e di una app per tablet e smartphone dedicate; la seconda attiene invece alla fruibilità dello stesso, attraverso l’introduzione del biglietto unico di accesso a tutti i castelli, una convenzione con la Ferrovia Circumetnea per agevolare la mobilità verso i castelli siti nel versante nord occidentale dell’Etna (lo stesso del distretto del vino e del pistacchio di Bronte) e la la creazione di un vero e proprio calendario di eventi musicali e teatrali da svolgersi nelle suggestive location dei teatri.

“Ritengo che la strada della strutturazione di una offerta turistica integrata sia quella da seguire per valorizzazione il nostro patrimonio culturale e le nostre eccellenze enogastronomiche, creando davvero le condizioni per la destagionalizzazione dei flussi turistici - ha dichiarato l’assessore Barbagallo a margine dell’incontro -. La Sicilia, e Catania in particolare, non è solo mare e sole. E' nostro compito valorizzare l’enorme eredità storica, artistica e monumentale che abbiamo ricevuto in eredità dalla nostra storia millenaria”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php