Live Sicilia

visita della commissione Ue

Sud Est, Giuffrida e Bianco:
"Qui l'80% del pil regionale"


Articolo letto 3.028 volte
Catania, enzo bianco, michela giuffrida, pd. catania, unione europea, Cronaca, Politica

Sarà a Catania la prima tappa della tre giorni siciliana della Commissione per lo Sviluppo Regionale del Parlamento. L'evento presentato oggi a Palazzo degli Elefanti.

VOTA
1/5
1 voto

CATANIA – Dal 23 al 25 settembre la Commissione per lo Sviluppo Regionale del Parlamento europeo visiterà il distretto della Sicilia del Sud Est. La prima tappa sarà a Catania. “Non ci sono precedenti in materia”, ha detto il sindaco Enzo Bianco incontrando stamani i giornalisti nella Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti. Al suo fianco c’era l’eurodeputata dem Michela Giuffrida, promotrice dell’iniziativa messa in agenda dalla Commissione di cui lei stessa è componente. “Dal nostro punto di vista strategico e amministrativo, è l’istituzione più importante”, sottolinea ancora il primo cittadino, “ed è importante – continua – che in Europa si abbia una conoscenza sempre più precisa del nostro contesto territoriale”.

Tra le tanti luci e le inevitabili ombre, c’è che il triangolo Catania-Ragusa-Siracusa produce attualmente l’80% del Pil isolano. “Il fiore all’occhiello della Regione”, dichiara Michela Giuffrida. Numeri, inoltre, che confermano la “vivacità imprenditoriale e la capacità d’innovazione del Distretto”. Saranno 12 i delegati a ispezionare l’area, in rappresentanza di sette paesi membri dell’Unione. Lo scopo della Commissione è “promuovere la coesione”. In prima battuta ci sarà la visita al Palazzo comunale; tappa obbligata sarà quella nell’area industriale catanese, per poi raggiungere il Parco scientifico e tecnologico.

“Per l’Europa, la nostra regione rientra tra quelle bisognose, ciò significa che godremo ancora di finanziamenti utili a colmare il divario tra Stati”, spiega l’eurodeputata. “Si aggiunga, inoltre, che la questione Sud – continua Michela Giuffrida –, negli ultimi mesi, è tornata in evidenza”. Insomma, Catania si aggrappa nuovamente ai fondi continentali, che potranno aumentare con la nascita della Città Metropolitana. Intanto Enzo Bianco, forte della sua posizione Anci, l’eurodeputata dem, e il ministro dei trasporti e delle Infrastrutture, Graziano Delrio, fanno squadra. Le risorse da investire mireranno in primo luogo all’abbattimento del disagio sociale. C’è poi da intervenire per la realizzazione della seconda pista aeroportuale e all’interramento della tratta ferroviaria Catania-Siracusa. Rassicura tutti il sindaco del capoluogo etneo: “Sul versante governativo, Delrio ha già trovato le risorse per passare immediatamente alla fase esecutiva”.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento