Live Sicilia

Incontro in assise

Bronte, la visita di D'Alia
Raffica di istanze al ministro


Articolo letto 3.222 volte
VOTA
5/5
1 voto

bronte, firrarello, ministro d'alia, prefetto maria guia federico, Politica
D'Alia, Firrarello ed il prefetto Maria Guia Federico

D'Alia, Firrarello ed il prefetto Maria Guia Federico



BRONTE. Un saluto al sindaco Pino Firrarello e poi tante istanze ricevute dai Consiglieri Comunali di Bronte. Una visita quella che il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione, Gianpiero D’Alia ha effettuato  a Bronte, ospite di un Consiglio Comunale aperto convocato, alla quale erano presenti anche il Prefetto Maria Guia Federico, i sindaci e amministratori dei comuni di Maletto, Randazzo, Cesarò, San Teodoro e Maniace, e diversi rappresentanti delle Autorità Civili e Militari. A condurre i lavori dell’assemblea Consiliare è stato il vicepresidente Andrea Sgrò, con gli interventi dei Consiglieri Di Mulo, Triscari, Prestianni, Saitta, Sanfilippo, e Luca. Tra i temi toccati, la crisi del tessile a Bronte, un settore che impiegava circa 1200 lavoratori e che ora è quasi cancellato del tutto ma anche i forestali, i precari della Pubblica Amministrazione, e la chiusura del Tribunale e la riduzione dell’ospedale. Polemico l’intervento del consigliere Proietto, che ha parlato dell'urgenza di una legge elettorale democratica, che elegga e non nomini i suoi rappresentanti e poi l’abolizione del finanziamento ai partiti, “ciò per abbassare le tasse – ha dichiarato Proietto – per dare respiro alle famiglie, e aiutare le imprese che con la crisi attuale o chiudono, o vanno ad aprire all’estero”. Il sindaco Firrarello ha ribadito le enormi difficoltà che hanno i Comuni per tirare avanti, con continui tagli ai finanziamenti di Stato e Regione, per gli sprechi nel meridione, con la creazione di assistenzialismo invece di lavoro, al nord industrie e investimenti privati, al sud posti statali anche precari. "Tutto ciò ha portato a una crisi profonda, che può finire solo con risparmi seri, tagli agli sprechi, in tutti i settori anche tra i ministeri e i sindacati, ma soprattutto con il taglio dei parlamentari e delle loro indennità".

Questa, invece, la replica del ministro: “In cinque mesi di governo – ha detto D’Alia – abbiamo lavorato molto,
L'incontro in assise a Bronte

L'incontro in assise a Bronte



sbloccando i soldi per pagare le imprese, incentivando chi assume a tempo indeterminato, e approvando dei decreti utili a far ripartire l’Italia. Ora tutto questo può essere reso vano dalla crisi politica innescata dal Pdl. Se il Pdl lascia il governo è un atto gravissimo, una sfiducia verso Letta e il suo governo e un danno enorme per gli Italiani. Ognuno – continua il Ministro – deve assumersi le proprie responsabilità, rendendo conto ai cittadini. Una crisi ora, senza avere fatto la legge elettorale, significherebbe tornare indietro e aprire un baratro”. Il Ministro ha dato anche risposte sui precari: “In Italia – ha detto D’Alia – abbiamo 122.000 precari, di cui ben 100.000 nella Sanità, nelle Regioni e negli Enti Locali, u numero che è aumentato dal 2007 in poi, specie al sud e in Sicilia. Dobbiamo chiudere questa spirale che porta i precari a dipendere dalle segreterie dei partiti. Ma non solo questo – ha concluso il Ministro – bisogna risparmiare anche sulle spese, basti pensare che la Sicilia ha più auto blu di Emilia Romagna, Veneto e Piemonte messi insieme, una ripresa dei conti, passa anche da questo”. Alla fine della cerimonia, dopo i saluti del Prefetto Federico, il sindaco Firrarrello ha omaggiato il Ministro di una targa e di una pergamena a ricordo della sua visita.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php