Live Sicilia

Paternò

Ospedale ridimensionato
blitz dei deputati 5 Stelle


Articolo letto 2.347 volte

Francesco Cappello, gianina ciancio, movimento 5 stelle, ospedale santissimo salvatore, paternò, Politica
PATERNO’. Un “blitz” annunciato per capire quale destino attende l’ospedale Santissimo Salvatore di Paternò. Il Movimento 5 Stelle cittadino riaccende i riflettori su un nosocomio che alla luce della Riforma regionale rischia di essere fortemente ridimensionato. Per il punto nascite, inutile girarci troppo attorno, al di là di sommarie ipocrisie non c’è più nulla da fare. Scomparirà. E con esso anche il 371 X simbolo, nel codice fiscale della nascita a Paternò. Tutti i parti sono stati dirottati, già da tempo, verso Biancavilla. I deputati regionali Gianina Ciancio e Francesco Cappello, assieme agli attivisti del Movimento, di buon mattino si sono ritrovati dinanzi alla struttura e, poi, all’interno per una visita ed un approccio con i medici. Insomma, per tentare di comprendere se vi sia anche lo spauracchio di chiusura di altri reparti. Ma al Santissimo Salvatore non c’è solo e soltanto una questione legata alla Riforma. In auge rimane anche l’inspiegabile vicenda dei lavori di consolidamento appaltati nel 2004, scattati - solo per qualche giorno - nel 2008 e poi fermatisi per sempre. Una vicenda pirandelliana alla quale non si trova risposta.

“Abbiamo voluto riscontrare di persona quanto sta accadendo a Paternò - spiega Gianina Ciancio -. E’ giusto che i cittadini siano messi al corrente di quanto sta accadendo: vogliamo capire come verranno assicurati i servizi sanitari a Paternò e sul territorio”. “Nella sanità siciliana c’è stata troppa lottizzazione - interviene Cappello -: vogliamo capire se lo stesso è accaduto anche a Paternò ridimensionando questo ospedale magari per favorirne un altro”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php