Live Sicilia

Tagli per l'assistenza ai minori

L'amarezza di un papà:
"Bimbi non sono pacchi postali"


Articolo letto 1.406 volte
VOTA
1/5
1 voto

assistenza minori, Catania, librino, minori, san giorgio, spending review, Cronaca
CATANIA - Massimiliano Arcidiacono è un papà. Un semplice genitore che alza la voce per i suoi due bambini Alberto e Isabella. La sua è una storia che coinvolge molte famiglie a Librino e San Giorgio, coinvolge soprattutto la vita degli alunni dell'istituto educativo assistenziale "Cirino La Rosa" di Librino. "L'istituto rischia di chiudere - dichiara a LiveSiciliaCatania - a causa della riduzione delle risorse erogate da comune di Catania. In pratica a causa della spending review i bambini assisti passano da 760 a 380".

Massimiliano vive a San Giorgio: per i suoi due piccoli, Alberto di 7 e Isabella di 8 anni, la Cirino La Rosa rappresenta la seconda casa dove studiavano, pranzavano con i compagni e poi facevano i compiti, tutti insieme. "Io sono uno dei pochi privatisti - continua - che paga una piccola retta mensile. Ma il servizio che viene garantito è ottimo i ragazzi sono presi in autobus la mattina e poi riaccompagnati a casa nel pomeriggio. Ora cosa succederà? Io mi chiedo si parla tanto di contrastare la dispersione scolastica e poi quando si parla di tagli si decide di usare la forbice su questo tipo di servizi? Mi sembra veramente una grande ingiustizia che siano le persone più disagiate a dover pagare."

E' deluso papà Massimiliano. "Ieri sera la mia piccola mi ha chiesto: ma quando inizia la scuola? Io non so cosa rispondere. Sto prendendo tempo dicendo "tra qualche giorno". So che oggi pomeriggio ci sarà una riunione tra l'assessore ai servizi sociali e quello al Bilancio e spero che ci saranno risposte positive. E' giusto che il Comune capisca che è necessario dare una continuità nella formazione di questi bambini. Anche perchè ci sono indiscrezioni - aggiunge - che i fondi non sarebbero garantiti fino a dicembre, ma forse l'anno prossimo tutto potrebbe essere ripristinato. Ma i bambini cosa sono pacchi postali?"

La questione della riduzione - secondo le dichirazioni del genitori - sarebbe venuta fuori solo pochi giorni fà. "Nonostante la scuola - racconta Arcidiacono - ha più volte chiesto chiarimenti all'amministrazione comunale già dal mese di luglio, non si è saputo nullo se non all'inizio di settembre. Ora cosa devo fare io? Devo trovare un altro istituto, con tutti i disagi del fatto che l'anno scolastico è già iniziato, e soprattutto deve trovare spazio nelle classi che sono state già composte."

Le risposte dovrebbero arrivare in queste ore. Intanto Massimiliano si sente amareggiato, non per se stesso, ma perchè "mi è stata tolta la gioia e la speranza - scrive in una missiva inviata alla redazione - di poter dare un futuro migliore ai miei figli".

 

 

 

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php