Live Sicilia

Playa, la tragedia dello sbarco

La tragedia alla Playa, arrestati due minorenni
“Sfruttamento dell'immigrazione clandestina”


Articolo letto 2.255 volte
VOTA
3.7/5
3 voti

arrestati, due vinandieri, migranti, morti catania, Cronaca
CATANIA – Due minorenni egiziani sono stati arrestati dalla Procura guidata da Giovanni Salvi, con l'accusa di essere stati componenti dell'equipaggio con la mansione di “vivandieri” del barcone approdato ieri alla Playa. Un viaggio della disperazione finito in tragedia, con 6 migranti annegati a pochi metri dalla battigia e un centinaio di uomini, donne e bambini stipati in pochi metri quadrati.

Secondo Giovanni Salvi, ci sarebbe la regia di un'organizzazione vera e propria, per sgominarla gli investigatori stanno raccogliendo, con il supporto di mediatori culturali ed educatori sociali, le testimonianze dei sopravvissuti. ''Arrivare con una nave 'madre' -spiega il magistrato all'Ansa- fino alla costa siciliana senza, quindi, fermarsi a Lampedusa, e poi trasbordare le persone su barche piu' piccole, vuol dire certamente avere un'organizzazione''. “Ci sono già molte indagini -aggiunge Salvi- che dimostrano contatti anche con organizzazioni criminali locali che lucrano su questo che è ormai un traffico molto significativo''. Interpellato sull'eventuale coinvolgimento di italiani, Salvi evidenzia: ''C'è sicuramente anche un ruolo di basisti italiani. Ancora non sappiamo se in questo caso, ma nel passato ce ne sono stati''. Riguardo alla partecipazione della mafia, chiarisce: ''Sono emersi alcuni elementi di collegamento''. Sulla dinamica del dramma racconta: ''Gli immigrati sono stati ingannati dal fatto che il barcone si e' incagliato su una secca a una decina di metri dalla riva. Hanno pensato di essere arrivati mentre dopo pochi passi c'era un avvallamento e quindi chi non sapeva nuotare e' caduto in questa trappola''.

Oltre ai due arrestati, che sarebbero un sedicenne e un diciassettenne, sprovvisti di documenti, secondo la ricostruzione degli inquirenti, almento tre componenti dell'equipaggio si sarebbero dati alla fuga non appena il peschereccio si è arenato sulla costa etnea senza soccorrere i migranti che stavano annegando.

I due arrestati sono stati associati nel Centro di prima accoglienza del tribunale per minorenni

IDENTIFICATE LE VITTIME. Sono tutti giovani egiziani di eta' compresa tra i 17 e 27 anni. Gli esami medici hanno confermato che sono morti per annegamento. Il minorenne deceduto avrebbe compiuto 18 anni il prossimo 25 agosto. Nessuno di loro era tra i potenziali 'scafisti' che hanno portato la barca fino al Golfo di Catania che si e' poi arenata su una 'secca' davanti il lido Verde del lungomare della Plaia.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php