Live Sicilia

la tragedia dei migranti

Bianco: "Catania a lutto"


Articolo letto 1.704 volte
VOTA
0/5
0 voti

6 a catania, migranti, morti, tragedia, Cronaca
CATANIA - Pochi minuti dopo la morte di sei migranti che tentavano di raggiungere la costa etnea, l’intera giunta ha lavorato fin dalle prime ore del mattino per fronteggiare la situazione e offrire soluzioni per la sistemazione e l’assistenza, monitorando la situazione dei feriti.

Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha definito “un momento di lutto per la nostra città” la morte dei sei migranti sulla spiaggia della Plaia.

“Catania – ha detto - non era stata, fino adesso, meta di sbarchi e dovremo attrezzarci per affrontare anche questo tipo di emergenza, che è locale, nazionale ed europea. Senza contare che il tema della migrazione, tra accoglienza e controllo, riguarda anche il rapporto di cooperazione con gli altri Paesi del Mediterraneo”.

“L’intera giunta – ha detto ancora il Sindaco - ha lavorato fin dalle prime ore del mattino per fronteggiare la situazione e offrire soluzioni per la sistemazione e l’assistenza dei migranti, monitorando la situazione dei feriti. Personalmente, già martedì prossimo nel Palazzo degli elefanti parlerò anche di questi temi con il nuovo Prefetto di Catania, Maria Guia Federico. Ringraziamo fin d’ora la Prefettura, intervenuta con prontezza ed efficacia, coordinando il lavoro di Protezione civile, Guardia Costiera, Forze dell’Ordine, 118”.

“Deve far riflettere poi – ha aggiunto Bianco - il fatto che, mentre grandi navi da crociera giungevano nel porto facendo sbarcare oltre diecimila turisti, un centinaio di persone a bordo di un barcone cercava di approdare sulle nostre coste con la speranza di una vita migliore. Ciò significa che dobbiamo lavorare perché Catania, mutata da terra di emigrazione in terra di immigrazione, diventi sempre di più città dell’accoglienza, della condivisione, della pacifica coesistenza tra etnie e religioni. Una Catania capace di accogliere sia chi giunge per ammirare le bellezze della città, sia chi, stremato e ferito, approda qui e ha bisogno di solidarietà umana”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php