Live Sicilia

LA SENTENZA

Museo “abusivo”, accolto
il ricorso del Comune di Catania


Articolo letto 3.129 volte
Catania, comune, museo abusivo, tribunale, via crociferi, Cronaca

Dopo la prima ordinanza disposta dal giudice monocratico è arrivata la sentenza della terza sezione civile del Tribunale di Catania che ha accolto il ricorso avverso all'ordinanza. Il legale della famiglia Girgenti: "Confermo esposto in procura"

VOTA
5/5
4 voti

CATANIA – La sorte dell’ex convento dei Padri Crociferi, nel cuore del barocco catanese si arricchisce di nuovi sviluppi. Il palazzo, destinato a essere riconvertito in polo museale, è infatti al centro di una contesa tra il Comune etneo e gli eredi di Antonino Girgenti. Dopo la prima ordinanza disposta dal giudice monocratico è arrivata la sentenza della terza sezione civile del Tribunale di Catania. I giudici, Mirabella, Di Pietro e Arena si sono pronunciati sul ricorso, avanzato dall’avvocatura, avverso l’ordinanza.

“L’azione – si legge nella sentenza – proposta da Girgenti Andrea e Russo Giovanna è inammissibile. Il possesso di cui gli odierni reclamanti lamentano lo spoglio ha, infatti, per oggetto beni culturali d’interesse storico-artistico facenti parti del demanio comunale”.

“E’ andata bene – commenta l’avvocato Giovanna Muscaglione a LiveSiciliaCatania – per il Comune ma anche, ci tengo a sottolinearlo, per la collettività. L’obiettivo dell’avvocatura è infatti la difesa degli interessi dei catanesi”.

Di tutt’altro parere l’avvocato Ivan Maravigna, legale della famiglia Girgenti “Non essendoci nessun atto amministrativo, i giudici hanno confermato come l’azione sia stata di spoglio violento e clandestino. Sull’immobile è comunque pendente un giudizio di usucapione per confermare la proprietà del Girgenti per un bene in suo possesso da decenni”.

Ad intrecciarsi in questa complessa vicenda, tra sentenze, eredi e cambi di lucchetti c’è anche una denuncia a carattere conoscitivo, preparata dall’avvocato Maravigna, che verrà inoltrata alla Procura di Catania “Chiederemo – spiega a LiveSiciliaCatania – se dal 2006 al 2009 qualche privato abbia acquisito qualche diritto di proprietà all’interno del palazzo”. Riferimento, quello del legale, al periodo compreso tra una delibera adottata dall’allora giunta Scapagnini e risalente al dicembre 2006 con cui si concedeva l’uso del palazzo alla CISL, e il decreto assessoriale dell’ aprile 2009 con cui l’immobile veniva dichiarato d’interesse culturale.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento