Live Sicilia

Palazzo degli Elefanti

Scottano le poltrone, Ferlito:
"Bianco non può assumere"


Articolo letto 5.332 volte
Antonella Liotta, Catania, comune, enzo bianco, nomine, palazzo degli elefanti, ufficio stampa, Politica

Uno dei nomi per la carica di segretario e direttore è quello di Antonella Liotta (nella foto). "Sarei onorata dell’incarico - afferma - sarebbe l’ennesimo in prima linea".

 

VOTA
1/5
1 voto

CATANIA – Potrebbe essere lei a ricoprire i delicatissimi ruoli di Direttore generale e di Segretario generale del Comune di Catania. Il nome di Antonella Liotta è uno di quelli che, nelle ultime ore, stanno circolando con insistenza tra i corridoi di Palazzo degli Elefanti e sulle pagine dei giornali. È proprio al Commissario straordinario della Provincia regionale di Catania, infatti, che Enzo Bianco sembra stia guardando con particolare favore perché guidi i delicati uffici fondamentali per l’intera macchina amministrativa, in sostituzione di Maurizio Lanza e Gaspare Nicotri, in carica con Stancanelli. Una possibilità che la stessa Liotta non esclude affatto. Rispondendo a LivesiciliaCatania è lo stesso Commissario a dirsi lusingata e a spiegare che, pur rimanendo una scelta esclusiva di Enzo Bianco, la sua nomina sarebbe vincolata a una serie di adempimenti formali. Un’opzione che ancora non si è verificata, ma che nessuno, compresa lei, esclude possa essere avviata quanto prima.

“Si devono rispettare determinate formalità da adempiere – sottolinea la Liotta - e, fino a oggi, non mi pare che ci sia stato pubblicato alcun avviso circa l’apertura della procedura. Ne riparleremo– chiosa - quando verrà pubblicato il bando specifico”. Niente è escluso, dunque, per quanto riguarda il commissario della Provincia che attualmente ricopre lo stesso ruolo offertogli da Bianco a Caltanissetta, dove è segretario comunale. Anche se, oggettivamente, dovrebbe trovare il tempo per espletare tutti i compiti. Ma è la stessa Liotta a eliminare ogni dubbio: “Io faccio il segretario generale – evidenzia la Liotta - Il mio incarico di commissario non ha nulla a che vedere con l’incarico di segretario. Io sono qui a Caltanissetta. Posso aggiungere – conclude - che sarei onorata dell’incarico: sarebbe l’ennesimo in prima linea. Ma è una libertà che compete al sindaco”.

Quelli della direzione e della segreteria generale del Comune, in ogni caso, sono solo alcune delle poltrone calde sulle quali si è già scatenato il toto nomine. Tra le altre ci sono quella del capo dell’Ufficio stampa e quella del Comandante dei Vigili Urbani. Nel primo caso, infatti, il titolare, Nuccio Molino, potrebbe essere destinato ad altre direzioni. Attualmente il dirigente è in ferie, ma sembra che difficilmente tornerà ad occupare la poltrona di responsabile della comunicazione. Il ruolo potrebbe essere affidato a qualcun altro, che il sindaco però dovrà scegliere all’interno della pianta organica. Stesso discorso vale per il comandante dei Vigili Urbani, Alessandro Mangani. Anche lui dirigente del Comune, ex responsabile della Protezione civile comunale, potrebbe essere destinato ad altri incarichi e a piazza Spedini potrebbe approdare qualcun altro, magari Pietro Belfiore, attualmente dirigente alla Ragioneria, comandante della Municipale fino a qualche anno fa.

In ogni caso, Bianco non potrà assumere nessuno ex novo e dovrà scegliere i suoi uomini all’interno della pianta organica. La situazione dei conti e il Piano di rientro, rendono infatti impossibile qualsiasi assunzione. Almeno nell’immediato futuro. potrà solo nominare alcune persone del suo staff. La conferma arriva dal direttore del personale, Valerio Ferlito. “Il Comune non può effettuare nessuna assunzione – afferma interpellato da LivesiciliaCatania. L’Ente potrà assumere 110 unità spalmate in 10 anni – aggiunge – in base ai programmi triennali del fabbisogno che l’amministrazione andrà deliberando. Nell’immediato il sindaco Bianco però non può assumere nessuno” – conclude.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php


Segnala il commento