Live Sicilia

Santo pulvirenti

"Nessuna spesa inutile
ridurremo le nostre indennità"

VOTA
1/5
2 voti

belpasso, Catania, elezioni amministrative 2013, Santo pulvirenti, Politica
BELPASSO - Riorganizzare gli uffici e i servizi del Comune, creando una struttura burocratica snella che soddisfi i parametri di efficienza, efficacia ed economicità di gestione; puntare sull’immagine di “Belpasso Città dell’Etna” valorizzando il territorio e il turismo per creare una nuova fonte di lavoro, la cultura, le tipicità locali della filiera agroalimentare e creare nuove occasioni di lavoro per i belpassesi nelle imprese industriali, artigianali e commerciali sono i cavalli di battaglia del programma politico del candidato a Sindaco di Belpasso Santo Purlvirenti. "Nessuna spesa inutile, ridurremo le nostre indennità".

E alla domanda perché votare lei e non un altro risponde: "Perchè per un uomo politico che ha maturato la propria esperienza in Enti importanti (Provincia di Catania) il desiderio più grande è amministrare il proprio paese e servirlo con umiltà, capacità e competenza". Offrire a Belpasso il proprio bagaglio di esperienza, dunque, e - continua Pulvirenti - "le idee che in altre parti dell’Italia hanno trovato realizzazione, un approccio diverso, orientato alla programmazione, che in questi anni non ha trovato riscontro. Perchè io e non altri? Perchè io so dov’è la toppa della chiave, gli altri debbono sfondare la porta".

Ex consigliere comunale, poi consigliere provinciale per tre consiliature a partire dal 1994, presidente del consiglio provinciale per un’intera consiliatura, assessore provinciale della giunta Lombardo con delega alle Politiche Agricole e Agroalimentari, componente dei dipartimenti dell’Unione delle Provincie d’Italia (UPI) Ambiente e Territorio, programmazione Finanziaria e Personale, è il vasto curriculum di Santo Purlvirenti che fiero commenta "oggi, nel periodo di crisi e di recessione economica, con i vincoli e i sacrifici che lo Stato e la Regione chiedono agli EE.LL., un amministratore, non solo deve essere preparato ma deve avere il buon senso del buon padre di famiglia. Ho rispetto per tutti i candidati e li temo tutti in egual misura".

Per concludere, doveroso aprire la questione sull' indipendenza di Piano Tavola, "sono impegnato a continuare il percorso intrapreso dalla precedente amministrazione: desidero lavorare all’integrazione per costruire un’unica grande Belpasso, unita e solidale dove i cittadini del centro e quelli delle periferie possano vedere rispettata la loro dignità di “persona” potendo fruire degli stessi servizi". Non manca, infine, una doverosa tirata d'orecchie all'amministrazione uscente la quale secondo il candidato Pulvirenti non ha saputo attuare il metodo della programmazione, nè vendere il proprio prodotto pur essendosi sforzata a fare tanto producendo dei risultati significativi.

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php