Live Sicilia

emergenza rifiuti

Discarica Valanghe d'inverno
I chiarimenti dell'Oikos


Articolo letto 1.892 volte
VOTA
0/5
0 voti

Catania, discarica, misterbianco, Motta Sant'Anastasia, oikos, valanghe d'inverno, Cronaca
CATANIA – Per chiarire alcuni fondamentali punti relativi alla discarica sita in contrada Valanghe d’Inverno, nel territorio di Motta S. Anastasia - già autorizzata con decreto dell'Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana nel 2009 - la società Oikos Spa, tiene a sottolineare quanto segue. «A oggi la discarica – spiegano dall’Oikos – rimane in attesa di conoscere le direttive da parte della Regione siciliana. Il 15 maggio abbiamo ricevuto il nullaosta e successivamente comunicato alle autorità competenti la nostra disponibilità ad avviare l’attività di smaltimento; è evidente, altresì, che per l’avvio di “Valanghe d’Inverno” – struttura all’avanguardia e funzionalmente tra le migliori d’Europa – si rimane in attesa di disposizioni da parte degli enti preposti».

Per la cronaca, inoltre, oggi – 21 maggio – è scaduto il provvedimento provvisorio regionale che consentiva ad Ato e comuni interessati (88 in tutto, nelle province di Catania, Enna, Siracusa e Ragusa) di conferire i rifiuti presso altri siti per scongiurare l’emergenza. «L’80% di tali soggetti – chiariscono i responsabili Oikos – hanno già inoltrato alla nostra società la richiesta di disponibilità al conferimento: richieste riscontrate positivamente e già recapitate all’autorità competente, che dovrebbe pronunciarsi in merito».

Altra notizia che Oikos tiene a rendere nota, è quella relativa alle modalità di abbancamento dei rifiuti che, «una volta conferiti vengono obbligatoriamente pretrattati e selezionati attraverso idoneo impianto già presente e attivo in situ; soltanto la frazione secca così selezionata potrà successivamente essere abbancata nella nuova discarica di “Valanghe d’Inverno”, mentre quella umida, ovvero quella putrescibile, verrà a sua volta sottoposta ad ulteriore processo di trattamento per l’ottenimento di una frazione “inertizzata” e quindi idonea all’abbancamento in discarica».

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php