La scena del dublice omicidio di Giuseppe Spampinato, affiliato al clan dei Laudani e Francesco Grasso, imparentato con un boss ergastolano, svaniti nel nulla nel febbraio del 2011 e uccisi secondo gli inquirenti nell’azienda agrituristica Akis, di Pennisi, frazione di Acireale. Grazie all'impiego del luminol, un reagente chimico, gli uomini del Ris hanno permesso di isolare vaste porzioni di sangue, invisibili ad occhio nudo, dalle pareti e dal pavimento, tra le mattonelle in cotto e su alcune pietre ornamentali. Le macchie erano state coperte, maldestramente, con della pittura.

//