Live Sicilia

TRUFFA TEATRO BELLINI

Crocetta su Bellini: "Azioni di autotutela"

VOTA
5/5
1 voto

crocetta, teatro bellini, truffa teatro
PALERMO - "Ho ancora scritte nella memoria le parole dure che sono state usate contro il governo regionale in occasione della finanziaria, quando il governo è stato accusato di grave 'attacco alla cultura' per il semplice motivo di avere effettuato una temporanea riduzione dell'8% del budget rispetto all'anno scorso (14 milioni e mezzo nel 2013 a fronte dei 16 del 2012) malgrado avessimo detto, tra l'altro, che la restante somma sarebbe stata eventualmente attribuita o impinguando il capitolo di spesa destinato al teatro o attraverso progetti da finanziare col fondo sociale europeo, in attesa che il teatro ci presentasse rendiconto spese e bilancio consuntivo.

Siamo stati attaccati come barbari perché volevamo verificare i conti degli enti. Naturalmente è lontana da me l'idea di ridurre le spese per la cultura, anzi, nel mio programma di governo tali fondi vanno incrementati non solo attingendo da fondi regionali, ma attraverso finanziamenti europei, già accessibili dalla stagione 2013/2014". Lo afferma il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, a proposito dell'indagine su 80 dipendenti del teatro Bellini di Catania. "Come dire che chi vuole controllare i conti è contro la cultura. Noi vogliamo controllare i conti - aggiunge - come faremo con gli enti della tabella H, che il governo non ha mai voluto né sostenuto, impugnata dal Commissario dello Stato.

Vogliamo contribuire al rinnovamento, a chi merita verrà dato a chi non merita non verrà dato niente, a chi merita poco verrà dato di meno. Per quel che mi riguarda poi, la verifica delle responsabilità dei dipendenti coinvolti nell'operazione sulle false ore di straordinario, è affidata al giudice, che noi rispettiamo. Ma riteniamo che l'amministrazione debba esercitare il diritto di controllo e di prevenzione e quella riduzione di fondi temporanea, già decisa prima del bilancio, va in questa direzione. E' chiaro che si pone un problema: chi doveva controllare cosa ha fatto? Perche tutto ciò che è pubblico non può essere in mano all'anarchia e interessi personali, in quanto si utilizzano soldi pubblici dei cittadini". "Il governo regionale - conclude - sta studiando misure di autotutela da adottare per proteggere il Bellini, per salvare il teatro ma anche per assicurare la normale vigilanza che impedisca il verificarsi di situazioni analoghe. Credo che i siciliani e i catanesi ci saranno riconoscenti".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php