Ha un proiettile conficcato nella scapola e una cicatrice sul collo che ogni giorno gli ricordano il momento in cui il suo estortore gli ha sparato solo perché non si era piegato al ricatto. Domenico Messina, imprenditore catanese, racconta la sua storia che vorrebbe diventasse "esempio" per i giovani per fare impresa nella legalità.