Live Sicilia

verso il voto

Comunali, Maurizio Caserta
"Ecco il nostro metodo"

VOTA
4.6/5
10 voti

Catania, elezioni, Maurizo caserta, Politica
CATANIA - Non è stata proprio l'apertura ufficiale della campagna elettorale, che prenderà il via la settimana prossima, ma un momento per spiegare a giornalisti e simpatizzanti il "Metodo Caserta", una l'idea di città futuribile e, soprattutto, un modello di gestione che renda tutti responsabili. Stamattina il professore di economia candidtato sindaco alla giude di un movimento si è infatti sofffermato soprattutto su quello che lui, ma chiunque sarà eletto per governare la città, dovrà affrontare, suggerendo anche le modalità per rendere l'azione efficace. "Oggi diamo un primo via alla campagna elettorale - ha spiegato Caserta - per comunicare il nostro impegno forte e personale che significa offrirsi alla città e al giudizio dei cittadini".

Un modo nuovo, sicuramente non usuale, per presentarsi alla corsa alla conquista di Palazzo degli Elefanti senza utilizzare il politichese, nella forma e nella sostanza. Tranne quando il professore ha parlato di intese pre elettorali con gli altri contendenti la poltrona di sindaco, nè convergenze con le altre  forze politiche. "Non c'è stato e non ci sarà alcun accordo pre voto - ha voluto evidenziare Caserta, prima di entrare nel vivo della conferenza e illustrare il "metodo" che dovrebbe portare il movimento civico a conquistare simpatie e voti. Non cerca divisioni, e ci tiene a sottolinearlo, anzi: "L'impegno è volto a cercare convergenze - ha aggiunto - ma quento non ci impedisce di definire il nostro programma".

Non ce n'è ancora uno, come inteso nell'immaginario collettivo, "verra definito nei prossimi giorni. Oggi comunichiamo il metodo con cui abbiamo deciso di affrontare la sfida più che una lista di proposte che rappresentano quello che vorremmo portare avanti". Nessun elenco e nessuna semplificazione, dunque. "La nostra proposta vuole proiettarsi sulla complessità della città, dentro e fuori, con uno sguardo al futuro". Uno sguardo a lungo termine, ma anche uno stretto legame con il territorio, sono quindi tra le caratteristiche del metodo Caserta, insieme alla volontà di ridare al governo cittadino il ruolo di regista che, secondo il professore, è mancato negli ultimi decenni.

"Il metodo è racchiuso in tutto questo - specifica: la necessità di espandere il governo costituito, perchè c'è la sensazione che non governi nessuno in certe zone della città". Caserta immagina Catania come un rudere, un malato di cui il candidato indica la possibile terapia. "Lavoreremo con quello che abbiamno a disposizione - ha concluso - e saremo presenti, anche fisicamente, in ogni zona, in ogni strada.

 

 

 

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php