Live Sicilia

PROVINCIA

“Libera” l'aula consiliare
Soddisfatto Gruttadauria

VOTA
4/5
2 voti

caltagirone, Catania, gruttadauria, liotta, provincia, Politica

Liotta presente durante l'occupazione dell'aula consiliare



CATANIA - Finita l'occupazione dell'aula del Consiglio provinciale. C'è voluto infatti l'intervento del commissario straordinario, Antonio Liotta, per dare delle risposte certe circa lo stato dei lavori per la S.p. 180 di Caltagirone. Una presa di posizione resa necessaria dall'avvio della protesta eclatante del consigliere Sergio Gruttadauria, che per più di trenta ora si asserragliato dentro i locali di Palazzo dei Minoriti.

Dalle 17.30 di ieri la protesta è dunque sospesa. A spiegarne i motivi è lo stesso Gruttadauria: “Abbiamo raggiunto un risultato importante. Per giorno 20 maggio – ha riferito- è stata indetta la conferenza dei servizi con tutti gli enti preposti al rilascio dei pareri, in modo tale da chiudere annosa vicenda. Sono rammarico – ha però sottolineato- del fatto che per sciogliere questo nodo siamo dovuti ricorrere ad un gesto di forza. Però i risultati raggiunti ci danno ragione. Da ieri dunque la burocrazia si è messa in moto. Di questo devo ringraziare – ha concluso- sicuramente il Commissario, il segretario generale, Francesca Ganci, Antonio Danubio, ma anche quella stampa che ha seguito con apprensione questa vicenda”.

Esprime soddisfazione anche il consigliere comunale di Caltagirone Antonio Li Rosi, iscritto al gruppo dell'Mpa: “L'obbiettivo di Gruttadauria di dare uno scossone a questo progetto è stato raggiunto. Davanti a questo vicende ritengo sia importante sburocratizzare quelle procedure che altrimenti ci paralizzano. Oggi più di ieri è necessario rendere quanto più snello e lineare il sistema delle autorizzazioni. Caltagirone -ha sottolineato- non può attendere oltre”.

 

Si dice soddisfatto anche Antonio Danubio, capogruppo Udc a Palazzo dei Minoriti, che ha condiviso insieme a Gruttadauria l'esperienza dell'occupazione dell'aula: “Più di una volta alla Provincia abbiamo presentato delle interpellanze, ma anche delle interrogazioni per quanto riguarda la sicurezza nelle strade. Credo che ora bisogna intervenire sulla S.p. 41. L'esperienza che si conclude oggi è figlia di una opposizione costruttiva”.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php