Live Sicilia

l'intervento

Centrodestra, Scavone:
"Bisogna mostrare unità"

VOTA
5/5
2 voti

antonio scavone, Catania, Mpa, raffaele stancanelli, sindaco, Politica
CATANIA - “Non ci sarà alcuna lista Mpa”. Lo ha riferito a LiveSiciliaCatania Antonio Scavone, il parlamentare autonomista che da domani sarà a Montecitorio per votare eleggere il nuovo presidente della Repubblica. “Siamo già pronti con le liste. In tanti dalla società civile sono pronti a spendersi per il nostro progetto politico - spiega: l'unico dubbio è se presentare un'unica lista, molto forte, o puntare su due cartelli. Tutto dipendere dall'esigenza in campo del prossimo candidato sindaco”.

Sulla possibilità che il candidato unitario sia o meno l'uscente Stancanelli, Scavone tiene a precisare il punto di vista della sua compagine: “Credo che ci sia un po’ troppa enfasi su tutta questa vicenda. - afferma. Il problema che abbiamo posto noi sul nome di Stancanelli è squisitamente politico, anche perché abbiamo avuto la sensazione che in questi anni sia venuta a mancare la coesione all’interno del area di centrodestra. Giovedì scorso –  prosegue - ci siamo incontrati a Roma con Angelino Alfano. È chiaro che Catania sia un palcoscenico di livello nazionale, dove la vittoria del centrodestra diventa una cartina tornasole della salute della medesima area, sia in Sicilia che in Italia. Ma questo lo sapevamo già. Appunto per questo avevamo già chiesto un impegno di massimo livello a tutta la coalizione perché si arrivasse a un candidato unico. In passato abbiamo proposto lo strumento delle primarie. Abbiamo proposto pure una grande convention, per confermare la massima condivisione sul candidato sindaco. Su Stancanelli, lo ripeto, non c'è alcun problema personale. Anzi, mi sono azzardato di dire che secondo me lui è stato il miglior sindaco che ha avuto questa città negli ultimi anni. Questo per quanto riguarda la capacità amministrativa. Il punto è ritrovare una modalità per rendere palese la nostra coesione”.

Guardando i candidati sindaco delle altre formazioni in campo, Scavone ha le idee chiare: “Non credo che Bianco possa vincere a Catania. La gente percepisce che lui non è un fattore di novità”. Il parlamentare autonomista la pensa in maniera diversa, invece, su Caserta: “Lui è sicuramente una personalità nuova e di rottura, ma ha un atteggiamento troppo elitario”. Circa il M5S pensa invece: “Il loro fenomeno rappresenta certamente una novità. Hanno saputo intuire il malessere che sta attraversando il paese. Ma come ha dichiarato la stessa Adorno, questo stesso fenomeno sta scemando. Molti, tra la gente, pensano, dopo le vicende di questi giorni in Parlamento, che la loro sia una forza immobilista”.

Su chi voterà Scavone come presidente della Repubblica, Scavone si affida a una riflessione di metodo: “Anche qui, come su Stancanelli non è un problema di nome. Ci vuole una personalità di garanzia, alla stessa stregua di Napolitano. Questo è un momento -ha aggiunto- di grande irresponsabilità, soprattutto dei partiti della sinistra. Stiamo assistendo- ha concluso- a risse e spettacoli indecorosi e di cattiveria sulle persone”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php