Live Sicilia

TURISMO

Museo del Mare, Bianco:
"Chiuderlo è un atto di miopia"


Articolo letto 1.135 volte
VOTA
5/5
1 voto

Catania, enzo bianco, museo del mare, stancanelli, Economia
Catania – “La chiusura del Museo del mare da parte di Stancanelli rappresenta un atto di gravissima miopia e di trascuratezza nei confronti di un settore economico, quello del turismo, che andrebbe invece valorizzato al massimo”. Lo ha affermato il candidato sindaco di Catania Enzo Bianco commentando la chiusura da parte dell'Amministrazione comunale della struttura deciso dalla Giunta Stancanelli.

“Tre anni fa – ha spiegato Bianco – non solo il Museo del mare, ma il Museo Belliniano-Emilio Greco e persino il Museo civico del Castello Ursino, con un colpo di penna furono fatti diventare dall’Amministrazione Stancanelli servizi a domanda individuale. Ciò comportava che recuperassero il 36% dei costi di esercizio, ma era prevedibile che questo non sarebbe stato possibile senza un’operazione di rilancio che passasse da un'adeguata programmazione anche promozionale. Che, ovviamente, non c’è stata. Così il Museo del mare è soltanto la prima vittima di questa scelta perversa, che tra l’altro va a colpire l’identità stessa di un importante quartiere storico catanese, quello di Ognina, che nel 2000, sotto la mia sindacatura, aveva fortemente voluto questa struttura in cui avevano trovato posto attrezzi e utensili per la pesca e nautici donati dai pescatori, splendide conchiglie e rari reperti archeologici”.

“Leggere adesso sul sito del Comune la descrizione del Museo – ha concluso Bianco – mette angoscia e tristezza: sembra ormai soltanto una necrologia. Ma bisogna impedire questo delitto”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php