Live Sicilia

Dati choc

Cgil Catania, su Almaviva dichiarati 600 esuberi


Articolo letto 2.095 volte
VOTA
1/5
1 voto

almaviva, cgil, villari
CATANIA. Sono 600 gli esuberi nel call center Almaviva di Misterbianco. Lo rende noto la Cgil di Catania. "Le politiche delle grandi compagnie non guardano in faccia la realtà - si legge in una nota del sindacato - dichiarare 600 esuberi non significa solo azzerare il futuro di altrettante persone ma provocare un effetto a catena che travolge un territorio e ne trascinerà altri verso il medesimo destino. L'epilogo del caso Almaviva si annuncia duro per lavoratori e sindacato. Ma continueremo la nostra lotta sino all'ultima chance". "Un numero così alto di esuberi - afferma il segretario della Cgil di Catania, Angelo Villari - decreterà la chiusura del centro di Misterbianco, e di certo, produrrà ricadute negative su Palermo. A sfavore della decisione ha prima di tutto giocato, pesantemente, il fenomeno dalla Cgil più volte denunciato della delocalizzazione verso paesi Esteri, spesso sprovvisti di leggi che tutelano diritti e privacy dei clienti. In secondo luogo, ha anche pesato un inspiegabile atteggiamento del committente che non sembra voler salvare il salvabile nella provincia etnea. L'orientamento - conclude il sindacalista - è quello di perdere un bagaglio prezioso: professionalità, reddito e serenità di centinaia di famiglie. Faremo di tutto per impedirlo".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php