Live Sicilia

La trasferta di Torino

Ecco "mago" Maran:
"Siamo pronti. Occhio a Pirlo"


Articolo letto 900 volte
VOTA
3/5
1 voto

catania calcio, juventus, maran, Sport
TORRE DEL GRIFO (Mascalucia). La sfida alla capolista Juventus riporta alla mente la beffa patita in occasione del match d'andata quando la sestina arbitrale negò un gol regolarissimo a Bergessio dopo averlo regolarmente concesso. Un episodio che, a distanza di mesi, fa ancora discutere per la sua atipicità, considerando che la "marcia indietro" dell'arbitro maturo' dopo quasi un minuto dalla rete e soprattutto dopo le veementi proteste di tutta la panchina juventina schizzata con tono arrogante intorno all'arbitro. Se non bastasse,poi, il Catania è reduce dall'incredibile sconfitta interna culminata con la rimonta dell'Inter domenica scorsa al "Massimino". Domani allo Juventus Stadium il tecnico Maran potrà nuovamente disporre di Barrientos che ha smaltito l'infortunio e di Bellusci mentre mancheranno lo squalificato Legrottaglie e gli infortunati Bergessio e Capuano. Improbabile, comunque, che lo stesso Barrientos e l'acciaccato Ricchiuti facciano parte dell'undici titolare.

"Brucia ancora la sconfitta con l'Inter - esordisce il tecnico del Catania in conferenza stampa prima della partenza per Torino - ma al di la delle scelte fatte, non posso penalizzare la voglia della mia squadra di spingere a tavoletta. Poi non siamo stati bravi ad abbassare il ritmo come avremmo dovuto. Adesso, in settimana abbiamo provato diverse soluzioni tattiche e sceglierò poco prima della gara come schierarci".

- Affrontate la prima della classe.

" La Juve è forte e forse giocare a specchio contro i nostri prossimi avversari potrebbe essere un approccio giusto. Scenderemo in campo senza timori reverenziali di sorta. Cercheremo di sfruttare soprattutto gli spazi per creare difficoltà ai campioni d'Italia".

- Pronostico chiuso?

"Sappiamo delle difficoltà che incontreremo ma ci siamo allenati bene in settimana e in tutti c'è la voglia di riscattarci e di portare a casa un risultato positivo. Abbiamo ancora voglia di stupire e, nonostante un calendario non proprio agevole, faremo di tutto per arrivare più' in alto possibile. Noi il nostro scudetto lo abbiamo già' vinto, conquistando la salvezza con 13 giornate d'anticipo. Troviamo una squadra bianconera in grande salute, che sta meritando il posto che occupa".

- Si aspetta anche una reazione emotiva della sua squadra?

"Noi cerchiamo sempre di fare le cose che sappiamo fare ma poi, in campo, ci sono pure gli avversari. Anche a Torino faremo la nostra partita, con il solito entusiasmo, nell'intento di conquistare un risultato positivo. Nel gruppo c'è grande attenzione e partecipazione nel lavoro settimanale. Vedo i ragazzi molto motivati".

- I bianconeri ruoteranno, una volta di più, sul "perno" Pirlo.

"Pirlo è il motore della Juventus e dovremo essere bravi a limitarne il raggio d'azione".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php