Live Sicilia

IL CASO

Amt, 100 autisti a casa
nonostante il concorso vinto


Articolo letto 7.298 volte
VOTA
4.3/5
6 voti

amt, autisti, autobus urbano, Catania, concorso amt, Cronaca
CATANIA - “Molti di noi alla soglia dei 40 anni stanno vedendosi sfumare davanti agli occhi l'ultima possibilità per riuscire a costruire una famiglia”. C'è tanta rabbia nelle parole dei vincitori del concorso pubblico che coinvolge l’Amt, l'Azienda Metropolitana Trasporti e che vede protagonisti di una storia senza fine più di 100 disoccupati. Perché se da una parte c'è il malcontento dei passeggeri, dall'altra la stanchezza dei dipendenti i quali dovrebbero fare i conti giornalmente con ore di straordinario al limite del sopportabile, dall'altro lato c'è anche l'esasperazione di chi, pur avendo vinto un concorso pubblico da troppo tempo ormai aspetta, invano, l'effettiva assunzione.

“E' un nostro diritto, siamo vincitori e dobbiamo prenderci quello che ci spetta – LiveSiciliaCatania ha incontrato Giuseppe Cottone, portavoce del gruppo vincitori – molti di noi non possono sposarsi, altri, peggio, preferiscono non avere figli per la precarietà che stiamo vivendo. In che mondo viviamo?”.

L'AMT, trasformata in SpA da metà 2011, vive una profonda crisi di liquidità che determinerebbe automaticamente una serie di disagi che dall'insufficienza di vetture, a problemi costanti di manutenzione, ha a che fare alle volte persino con la mancanza di carburante nei mezzi.

Ma di a fronte di tutto ciò i vincitori battono pugno duro: “Noi non chiediamo spese aggiuntive all'azienda – prosegue Cottone – se l'AMT affidasse a noi, vincitori disoccupati, le ore che invece fanno di straordinario gli attuali dipendenti assunti, andrebbe incontro ad un risparmio notevole, dato che uno stipendio ordinario viene retribuito meno di uno straordinario. Un autista, poi, dopo 8 ore di guida non può proseguire le corse con la stessa lucidità e attenzione di un autista appena entrato in servizio”.

Dato da non sottovalutare, poi, una carenza di organico per l'AMT di oltre 100 autisti, la quale potrebbe essere colmata proprio dai vincitori del Concorso. Graduatoria che sarà valida fino al prossimo gennaio, dopo di allora?

“Ci auguriamo di non rimanere con le mani nelle mani. Abbiamo da qualche giorno cominciato ad alzare la voce e continueremo a farlo fino a quando non avremo una risposta" – conclude Cottone.

Intanto, è stata inviata dal Segretario Provinciale Giovanni Lo Schiavo il 27 febbraio 2013 una nota all’Ing. Roberto Sanfilippo, Presidente dell’Amt, oltre che al Direttore Generale Marcello Marino, proprio per sollecitare lo scorrimento della graduatoria, allo stato attuale delle cose nessuna risposta.

 


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php