I dettagli della scena del crimine spiegata dal maggiore Carlo Romano dei Ris Messina