Live Sicilia

Indagine di Procura e Finanza

Provincia, l'inchiesta rimborsi
Ecco i nomi degli indagati


Articolo letto 11.253 volte
VOTA
3.7/5
11 voti

Catania, guardia di finanza, procura, provincia, Cronaca
CATANIA. L’accusa è di quelle pesanti: “truffa aggravata in danno dello Stato, in concorso con i datori di lavoro, per avere ottenuto indebiti rimborsi dalla Provincia Regionale, attraverso la simulazione del rapporto di lavoro o la falsa attestazione di mansioni e retribuzioni superiori a quelle effettivamente godute”. L’indagine è quella avviata dalle Fiamme Gialle del Comando provinciale coordinata dalla Procura del capoluogo etneo. Sono sei in tutto, così come preannunciato da Livesiciliacatania, le notifiche a comparire nei confronti di altrettanti consiglieri provinciali. Si tratta di Consolato Aiosa, Gianluca Cannavò, Sebastiano Cutuli, Antonio Danubio, Antonio Rizzo e Maurizio Tagliaferro.

Questa la nota a firma del Procuratore capo della Repubblica di Catania, Giovanni Salvi:

“Sono state oggi completate le attività di notificazione degli avvisi a comparire nei confronti dei Consiglieri della Provincia Regionale di Catania AIOSA Consolato, CANNAVO’ Gianluca, CUTULI Sebastiano, DANUBIO Antonio, RIZZO Antonio e TAGLIAFERRO Maurizio, tutti indagati per il delitto previsto e punito dagli artt. 81, 110, 61 n. 7, 640 comma primo e secondo n. 1) c.p., truffa aggravata in danno dello Stato, in concorso con i datori di lavoro, per avere ottenuto indebiti rimborsi dalla Provincia Regionale, attraverso la simulazione del rapporto di lavoro o la falsa attestazione di mansioni e retribuzioni superiori a quelle effettivamente godute.

In questa maniera, secondo la contestazione, i Consiglieri sopra menzionati hanno recato alla Provincia Regionale complessivamente un danno di diverse centinaia di migliaia di euro. Oltre ai Consiglieri sono sottoposti alle indagine i datori di lavoro e numerose persone che hanno reso possibile la consumazione dei reati. Le indagini sono condotte dal Nucleo Tributario della Guardia di Finanza di Catania, che ha svolto i complessi accertamenti necessari per provare il carattere simulato delle assunzioni e delle progressioni economiche”.


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php