Live Sicilia

Il tecnico rossoazzurro

Catania, "mago" Maran:
"Uniti verso il traguardo"


Articolo letto 1.041 volte
VOTA
0/5
0 voti

Catania, inter, serie a, stadio massimino, Sport
TORRE DEL GRIFO (Mascalucia). Alla vigilia della storica sfida con l'Inter, Rolando Maran si presenta in sala stampa sciorinando tranquillità e saggezza. La partita di domani pomeriggio offre al Catania la possibilità di scavalcare la compagine nerazzurra e di consolidare i sogni europei. Scelte obbligate in difesa, con Rolin al fianco di Spolli in posizione centrale, Alvarez e Marchese laterali. Qualche dubbio, invece, nella zona nevralgica del campo dove torneranno disponibili Biagianti (che ha scontato la squalifica) e Almiron che ha smaltito l'infortunio. Ancora indisponibile, invece, Barrientos oltre agli squalificati Legrottaglie e Bellusci. "Valuterò sino alla fine quale formazione schierare nell'intento di optare per le soluzioni più opportune ad affrontare l'Inter -ha affermato il mister- ma senza snaturare le nostre caratteristiche. Se siamo arrivati a giocarci questa chance e' perché c'è lo siamo meritati sul campo. È una gara importante perché valorizza tutte le altre che ci hanno portato sin qui".

- Che centrocampo ha predisposto per avere la meglio sull'Inter?

"Lodi e Biagianti dovranno lanciare i compagni d'attacco sfruttando la loro velocità. Dobbiamo continuare a giocare come fatto sinora, a a prescindere da chi ci troviamo di fronte, con lo stesso spirito di sacrificio di sempre,senza pensare alla classifica e a ciò che potrebbe accadere".

- Spera nel sorpasso?

"Se siamo qui è perché, partita dopo partita, abbiamo costruito una classifica importante. Adesso dobbiamo continuare con orgoglio e concentrazione massima perché vogliamo regalare una grande soddisfazione ai nostri tifosi che domani ci daranno una mano in più con il loro incitamento. È per noi una certezza sapere che ci spingeranno tutti verso un grande traguardo".

- Come di batte la squadra di Stramaccioni?

"L'Inter ha giocatori di qualità ma noi guardiamo in casa nostra. I nostri calciatori non sono da meno".

- Ricorda ancora la delusione patita all'andata per quella sconfitta maturata dopo la mancata concessione di un macroscopico rigore commesso da Guarin su Gomez?

"Non ho sassolini nella scarpa da togliermi per la partita d'andata anche se in quell'occasione meritavamo qualcosa in più. Ma ormai è acqua passata. Guardiamo sempre avanti senza recriminazioni. domenica scorsa L'Inter ha dimostrato di avere grande cuore nel derby e non mi aspetto un avversario sotto tono. Il Catania punterà sulla sua identità".

- La designazione dell'arbitro Bergonzi ha destato più di una perplessità!

"Dico solo che mi piacerebbe, a fine gara, dover discutere solo di vicende tattiche e non di altro".


/web/virtualhosts/catania.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php